MENU

Mobilità attiva e moderazione del traffico? Facciamo un esperimento

News • di 3 Ottobre 2017

È difficile comunicare a parole i vantaggi degli interventi di moderazione del traffico. Ma con una spesa irrisoria è possibile fare delle sperimentazioni temporanee, per far toccare con mano una nuova realtà possibile.

sperimentazione piste ciclabili

L’ultimo esempio viene da Winnipeg, Canada. Questi cordoli sono stati installati qualche settimana fa, ma non sono permanenti. Servono a capire meglio come cambierebbe la strada con la realizzazione di una pista ciclabile. Dopo un periodo di osservazione, è possibile scegliere come procedere alla sistemazione definitiva della strada.

Se vedo, capisco

In tutte le città del mondo si discute di piste ciclabili. Anche in quelle in cui alla fine non si fa niente.

Gli esperti di mobilità sanno bene quali sono i vantaggi apportati dalla moderazione del traffico, vantaggi che vanno alla città intera, inclusi gli automobilisti. Ma è difficile comunicare questi vantaggi alla cittadinanza, se si resta al livello della discussione teorica.

Ecco quindi l’idea della sperimentazione: con una spesa irrisoria si realizzano interventi temporanei di moderazione del traffico, quando necessario accompagnati dall’installazione di piste ciclabili temporanee. La strada rimane così modificata per qualche giorno, e si vede cosa succede.

Sperimentazione

Le sperimentazioni possono essere realizzate coinvolgendo i residenti, come a Terni

Il più delle volte succede che la strada torna a vivere: i bambini giocano, gli anziani chiacchierano, gli automobilisti rallentano e i ciclisti pedalano in sicurezza.

Un’infrastruttura leggera e temporanea può anche essere modificata rapidamente: la pista ciclabile risulta troppo stretta? Allargarla di mezzo metro è facile e veloce. Gli automobilisti continuano ad andare troppo veloce? Introduciamo una chicane artificiale per costringerli a rallentare.

Finito il periodo di sperimentazione, sarà molto più facile ottenere il consenso di residenti e commercianti, quando si proporrà di rendere definitive le misure sperimentate. E il materiale usato potrà essere riutilizzato in un’altra strada.

Gli esempi italiani

Questo approccio è stato usato anche in Italia in passato. Ad esempio a Terni nel 2013, quando nell’ambito di un Festival dell’Architettura si è deciso di sperimentare una zona 30, oltre a una zona 10 (il numero indica la velocità massima che possono tenere le automobili in quelle strade). Togliendo la sosta in linea, e trasformandola a pettine, si è ristretta la carreggiata, rallentando in modo naturale le velocità delle automobili. Per maggiori informazioni sull’esperimento di Terni cliccate qui.

Sperimentazione

Prima, e…

È stato addirittura inserito fra le best practice a livello europeo quanto si è realizzato a Casalmaggiore, partendo ancora una volta da una sperimentazione. Anche qui gli interventi temporanei di moderazione del traffico sono stati realizzati con una spesa irrisoria, e hanno incontrato il favore di residenti e commercianti – anche di chi era inizialmente contrario. Per maggiori informazioni sull’esperimento di Casalmaggiore cliccate qui.

sperimentazione

…dopo a Casalmaggiore

Le sperimentazioni “clandestine”

Le sperimentazioni citate finora – dal Canada all’Italia – sono state fatte con l’approvazione dell’amministrazione locale. A volte però questo non è possibile. Ecco che alcuni cicloattivisti decidono di fare da soli, creando nuove bike lane con della semplice vernice bianca, oppure proteggendo le corsie esistenti con i mezzi più vari – inclusi degli sturalavandini.

ciclabile protetta con sturalavandini

E i risultati sono quasi sempre positivi: gli automobilisti rispettano la segnaletica “clandestina”, facendo circolare i ciclisti con maggiore sicurezza. E a volte le amministrazioni locali sono costrette ad ascoltare. È successo a Roma (con però molti dubbi sulla qualità del progetto definitivo), sta succedendo a Milano.

Ottenere interventi reali di moderazione del traffico è difficile. Spingere gli enti locali a sperimentare temporaneamente soluzioni alternative può essere un buon metodo per ottenere il consenso di residenti e commercianti, che toccano con mano il modo in cui si vive in zone più civili.

A proposito di azioni e risultati: leggi qui come una ciclabile “clandestina” dipinta da anonimi attivisti ha spinto il comune di Milano a realizzarne una legale.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *