MENU
viaggi girolibero

Pavia: la ciclabile autoilluminante e il marketing territoriale

News • di 24 Aprile 2019

A Pavia verrà realizzata la prima ciclabile autoilluminante d’Italia, un percorso di circa 5 km che collegherà il capoluogo di provincia con il vicino centro di Travacò Siccomario.

La ciclabile sarà realizzata con un particolare asfalto ricco di pigmenti riflettenti che virano dal blu al verde, una soluzione amica dell’ambiente che permetterà di evitare di ricorrere all’illuminazione artificiale.

Ciclabile_autoilluminante

L’inquinamento luminoso emesso dai classici corpi illuminanti è infatti un problema per l’habitat naturale della fauna locale, per questo l’illuminazione artificiale è spesso soggetta a restrizioni e vincoli in aree come parchi o riserve naturali.

L’iniziativa di Pavia riprende il progetto “Van Gogh Path realizzato a Eindhoven, nei Paesi Bassi dallo studio Roosegaarde e Heijmans Infrastructure, un percorso di 600 metri ispirato al celebre dipinto “Notte Stellata” che fa parte di un itinerario ciclabile di 335 chilometri, la “Van Gogh Cycle Route”.

La ciclabile autoilluminante nasce in Polonia, nell’Istituto Tecnologie del Futuro di Pruszkow. Il costo per realizzare l’opera è pari a 260 mila euro e verrà coperto in parte da finanziamenti di regione Lombardia.

Ciclabile_autoilluminante

L’idea di realizzare questo percorso ciclabile arriva dal basso, grazie a un’iniziativa di bilancio partecipativo.

La pista ciclabile autoilluminante, una volta conclusa, oltre ad essere un percorso destinato a chi si muove in bicicletta per la città, sarà anche un’ottima attrazione turistica, capace di rappresentare un elemento attrattore di cicloturisti che pedalano tra le bellezze di Pavia e del vicino fiume Po.

Il progetto di Pavia è interessante dal punto di vista architettonico e qualitativo, grazie alle sue caratteristiche inusuali può rappresentare un’attrazione per il territorio aiutando a rilanciare un turismo diffuso e di qualità.

Ciclabile_autoilluminante

Questa e altre iniziative dimostrano come sia possibile fare attività di marketing territoriale mettendo al centro la bicicletta, il turismo lento e le bellezze del territorio. Il caso specifico di Pavia è stato ripreso da moltissimi canali di comunicazione, arrivando sugli schermi di tantissimi italiani. Le aspettative per il progetto sono elevate, se davvero verrà realizzato e se gli enti locali saranno in grado di rilanciare l’iniziativa il percorso diventerà un’attrazione a pochi passi da Milano per tutti gli amanti della bicicletta.

Per conoscere altre forme di promozione territoriale che mettano al centro la bicicletta partecipa al nostro corso: “Cicloturismo: progettazione e promozione“che si terrà a Milano il 9 Maggio.

 

 






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *