MENU

Bikeitalia Talks – Puntata 3: Frida Bike, facevo la modella, ho aperto un negozio di cargo bike

Bikeitalia Talks, News • di 13 Ottobre 2019

Una cargo bike è una bicicletta pensata per il trasporto di oggetti voluminosi, è un mezzo molto diffuso nei paesi nordeuropei, rappresenta un’ottima soluzione per le consegne dell’ultimo miglio, per rinunciare alla seconda auto e per trasportare i bambini a scuola. Se all’estero è considerata la normalità in Italia ancora stenta a prendere piede, per questo abbiamo deciso di intervistare Antonella Pesenti, prima donna ad aprire un negozio di sole cargo bike a Milano: Frida Bike.
Buon ascolto.

L’incontro con le cargo bike

Antonella racconta come si è avvicinata al mondo delle cargo grazie a un viaggio a Copenhagen, dove questa particolare tipologia di bici viene utilizzata soprattutto per portare a scuola i bambini. Da qui l’idea di tornare a Milano spostandosi con una cargo, in modo da tornare ad utilizzare la bici anche da mamma e con due bambini piccoli al seguito. L’interesse e le continue richieste di informazioni da parte degli altri genitori l’hanno portata ad aprire il primo negozio di bici specializzato in cargo bike.

Ha iniziato con l’allestimento di una sorta di atelier-magazzino, in cui esporre e vendere cargo bike da tutto il mondo. I primi clienti sono stati anche la prima pubblicità del negozio e la cargo-bike ha iniziato ad essere una moda anche a Milano.

Donna in un mondo di uomini

Inizialmente molti clienti rimanevano stupiti del fatto che non ci fosse un uomo ad aiutarla. Oramai sono invece abituati a vederla in tuta da meccanico ad aggiustare le biciclette e ad illustrare ai clienti ogni aspetto tecnico della cargo bike a cui sono interessati.

Chi compra cargo bike a Milano?

Vende soprattutto a famiglie, infatti in Italia la cargo bike viene venduta a chi non può farne a meno. Oltre a vendere, noleggia anche le cargo bike, per chi le necessita una volta ogni tanto. I prezzi di una cargo bike partono da 1400€, per i modelli più pesanti, e arrivano a superare i 4000€ per i modelli con la pedalata assistita. All’inizio molti clienti erano spaventati da queste cifre, ma con il corso del tempo, apprezzando la cargo bike, sono arrivati ad acquistarne anche una seconda.

Vivere con una cargo bike e progetti per il futuro

Per Antonella non è stato difficile sostituire la sua automobile con una cargo bike. Conosce le strade in cui non ci possono essere problemi con gli automobilisti, che comunque le sembrano più rispettosi di quando va con la bicicletta ‘normale’. Per i suoi figli è normale essere cresciuti con la cargo bike, e guardano sempre straniti le biciclette con il seggiolino. I compagni di scuola del figlio Arturo, 3 anni, sono molto invidiosi della ‘carrozza’ su cui arriva a scuola. Antonella per il futuro sogna di poter vivere solamente grazie al suo negozio di cargo bike, in cui cerca di mettere tutta se stessa.


aida







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *