Francia: il garante della TV censura lo spot bici di VanMoof [Video]

1 Luglio 2020

Lo spot dell’azienda olandese VanMoof è stato censurato dall’autorità garante per la concorrenza del mercato che gestisce e coordina le pubblicità sulle televisioni francesi.

La colpa della pubblicità? Mostrare sul piccolo schermo la correlazione diretta tra auto e inquinamento atmosferico, tra auto e aumento del traffico o ancora, tra auto e sicurezza stradale.

VanMoof Spot Francia
VanMoof

Uno spot che secondo l’autorità francese “getta discredito” sui produttori di automobili, accusandoli di alimentare i cambiamenti climatici e di creare un “clima d’ansia” nei telespettatori.

Una versione che per VanMoof, leader olandese nella produzione di bici elettriche, è puramente un atto di censura verso il loro prodotto, e più in generale verso una nuova mobilità davvero sostenibile.

Taco Carlier, cofondatore di VanMoof non nega che lo spot in oggetto sia completamente diverso rispetto a quelli cui l’azienda era abituata a produrre ma rimarca la scelta: “si tratta di un periodo storico particolare ed è necessario intervenire ora per lasciarci il passato alle spalle”, ha dichiarato Carlier.

La battaglia di VanMoof non accenna a placarsi, tuttavia non è la prima volta che l’organo di sorveglianza francese blocca alcune campagna pubblicitarie, era già successo ad esempio con Greenpeace e Medecins du Monde.

E mentre il governo francese ha stanziato 8 miliardi di euro per salvare il settore automotive duramente colpito dalla pandemia, VanMoof fa sapere di non aver mai vissuto un periodo così florido nelle vendite: in Germania (+226 percento), Regno Unito (+184 percento), Paesi Bassi (+140 percento), gli Stati Uniti (+138 percento) e la Francia (+92 percento).

Ecco lo spot che ha suscitato tanto scalpore:

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti