Mobilità

Milano, da “Gentilmente” a “Impunemente”: la contro-campagna dei Genitori Antismog

Milano, da “Gentilmente” a “Impunemente”: la contro-campagna dei Genitori Antismog

Una campagna del tutto simile a quella ufficiale del Comune, compresi font e grafiche, ma con un messaggio diretto che mette alla berlina chi, con i propri comportamenti, rende l’aria di Milano ogni giorno più irrespirabile e le sue strade più invivibili: e così “Gentilmente” diventa “Impunemente”. La contro-campagna di Associazione Genitori Antismog è firmata dall’agenzia di comunicazione bike friendly Sottosopra.

“Gentilmente”: la campagna del Comune di Milano

Da qualche settimana è attiva a Milano la campagna di sensibilizzazione del Comune “Gentilmente”, con cui si invitano le persone ad avere cura della propria città e a fare una serie di gesti con gentilezza, ma soprattutto per gentilezza: far attraversare il pedone sulle strisce, non buttare i mozziconi per terra, non intralciare i pedoni con il monopattino e raccogliere i bisogni dei cani…

Gentilmente Comune di Milano
Le quattro creatività della campagna di sensibilizzazione “Gentilmente” realizzata dal Comune di Milano

“Impunemente”: la contro-campagna di Genitori Antismog

Un messaggio edulcorato che i Genitori Antismog non ritengono efficace, come sottolineano nel comunicato stampa che lancia la loro contro-campagna “Impunemente”: “Gentilmente? Da quando il rispetto del Codice della Strada è diventato un atto di cortesia? Con quanta delicatezza si chiede il rispetto di norme elementari come raccattare gli escrementi del proprio cane? E con quale caparbietà si reitera un messaggio monodirezionale nei confronti di quei demoni dei monopattini? Ancora una volta, traffico, inquinamento e parcheggio selvaggio sono invece promossi a pieni voti!”.

E così i soggetti stigmatizzati nella contro-campagna di Genitori Antismog sono i guidatori di mezzi a motore che parcheggiano sui marciapiedi e non lasciano spazio a pedoni e disabili, oppure in doppia fila creando pericoli e ingorghi; o quelli che sfrecciano a 90 km/h in città e, ancora, quelli che utilizzando sempre la macchina contribuiscono a rendere l’aria di Milano sempre più irrespirabile.

I Genitori Antismog rispondono quindi alla campagna “Gentilmente” del Comune di Milano con la contro-campagna “Impunemente“, ricordando che non solo le regole vanno rispettate – e questo vale per tutti – ma che a Milano al momento la maggior parte delle infrazioni restano impunite.

“Anche noi amiamo la gentilezza, ma quando si tratta del Codice della Strada è bene per prima cosa ricordare che rispettarne le regole non è una questione di fare le cose ‘gentilmente’ ma di assoluto dovere”, dichiara la presidente dei Genitori Antismog Lucia Robatto. “Inoltre” – aggiunge – “non si può non rilevare che tra i tanti ‘inviti’ a comportamenti gentili e civili, il grande assente ancora un volta è il comportamento in auto”.

Come sottolineano in conclusione i Genitori Antismog nel loro comunicato, a proposito della campagna del Comune di Milano: “Si invita a non intralciare le persone col monopattino ma non c’è ad esempio un corrispondente invito a non parcheggiare sul marciapiede o sui parterre alberati. Per non parlare del problema della velocità… in una città in cui ogni anno 50 persone sono uccise sulle strade e altre 10.000 rimangono ferite in incidenti stradali”.

Un messaggio molto netto quello contenuto nella contro-campagna di Genitori Antismog firmata dall’agenzia Sottosopra: chissà se il Comune di Milano, direttamente chiamato in causa, risponderà in qualche modo alle critiche.

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Scopri di più

Commenti

  1. Avatar AndreaTN ha detto:

    Ahaha, “non intralciare i pedoni con il monopattino”, ma con un bel macchinone di 5 metri per 2 va bene! Eh, quella è una necessità, come facciamo a punirli??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *