Proteggere i piedi dal freddo pedalando in inverno

Come possiamo proteggere i piedi dal freddo pedalando in inverno?

Il freddo, il vento e il gelo sono i nemici per antonomasia delle estremità del ciclista e molti ciclisti si lamentano dei piedi freddi. In questo articolo andremo a vedere come affrontarle il tema di dover proteggere i piedi pedalando in inverno.

ciclismo inverno piedi freddi

I piedi freddi in inverno

Perché in inverno soffriamo di piedi freddi? La risposta sta nella fisiologia nel nostro corpo. L’elemento riscaldante del nostro corpo è il sangue che circola, per fare un paragone comprensibile, come l’acqua calda in un impianto termico di una casa: l’acqua calda gira nei tubi, raggiunge il termosifone e ne aumenta la temperatura. Il sangue fa più o meno la stessa cosa: pompato dal cuore parte dal centro e raggiunge la periferia, dove oltre a portare nutrienti e ossigeno, ha il compito di veicolare il calore. Il problema avviene quando la temperatura esterna si fa più rigida. Il nostro corpo va immediatamente in protezione, riducendo la circolazione sanguigna. È come se, sempre per mantenere il paragone con l’impianto termico, per risparmiare calore chiudessimo le valvole dei termosifoni delle camere, tenendo aperti solo quelli della sala.

Meccanica per MTB, corso online

Meccanica per MTB

Corso Online

In sostanza il nostro organismo riduce il calibro dei vasi periferici, provocando vasocostrizione: questo fa sì che il sangue circoli in distretti sempre più ridotti, per finire a circolare solo nella parte centrale, dove ci sono gli organi più importanti, che vanno salvati. In sostanza il nostro corpo sacrifica le estremità (mani e piedi) nell’ottica di salvare gli organi vitali. Infatti, quando sperimentiamo il freddo in bici, arriviamo a perdere completamente la sensibilità delle estremità e questo è dovuto alla vasocostrizione. Quando poi torniamo a casa e la temperatura corporea comincia a salire, è facile avvertire dolore anche molto forte alle estremità. Questo dolore è dato dalla “riapertura” dei vasi sanguigni periferici, che produce una sorta di shock termico che può andare avanti anche per una decina di minuti.

Piedi freddi
Io e il mio socio di pedalate Andrea Paradiso, che cerchiamo di mangiare qualcosa mentre sfidiamo l’assideramento in cima al Gennargentu, sorpresi da una nevicata in pieno Maggio.

Ricordo in Sardegna, mentre pedalavamo sul Gennargentu, che una giornata artica ci sorprese a Maggio, facendoci ritrovare in una nevicata con indosso solo pantaloncini e antivento leggero. I piedi mi si ghiacciarono immediatamente e iniziai seriamente a pensare di essere vicino al congelamento delle estremità, soprattutto quando arrivammo in cima e dovevo camminare sui talloni perché avevo perso qualunque percezione degli avampiedi. Quando, dopo 3 ore, arrivammo al primo paese e ci fermammo in un bar, mi ci vollero 30 minuti per iniziare ad avvertire una minima sensibilità alle dita.

Proteggere i piedi pedalando in inverno

Come possiamo affrontare questo problema ed evitare che il nostro corpo metta in atto queste strategie?

Proteggere i piedi inverno

Ecco alcuni consigli:

  • Proteggere il centro: è importante, quando usciamo a pedalare, non solo coprire di numerosi layer le estremità ma soprattutto proteggere la parte centrale del corpo. Infatti se riusciamo a mantenere una temperatura adeguata nella parte del torace e addome, il nostro corpo dovrà sequestrare meno calore dalle estremità. Mettere 3 paia di calze invernali ma poi dimenticare di indossare la maglia termica sotto l’antivento è una strategia che può addirittura aggravare il problema;
  • Proteggere la periferia: dopo aver coperto bene la parte centrale del corpo, allora possiamo passare a proteggere i piedi. Vi sono numerosi strumenti a disposizione. Il mio consiglio è di adottare delle calze pesanti che coprano il piede e l’intero polpaccio. Oltre a queste possiamo valutare l’ipotesi di usare delle scarpe da bici invernali come queste, che permettono anche di proteggersi da fango e acqua. In alternativa possiamo usare delle scarpe estive e dotarle di sovrascarpe in goretex o in altri materiali impermeabili;
  • Attenzione al sudore: anche se non lo percepiamo, i nostri piedi sudano quando pedialiamo, anche in inverno (soprattutto in inverno se ci siamo coperti troppo rispetto alla temperatura esterna). Il piede sudato diventa un piede bagnato, che con l’azione dell’aria diventa un piede ghiacciato. Una strategia più essere quella di usare due strati di calze. Il primo in materiale tecnico più traspirante e il secondo in lana merinos. In questo modo lo strato a contatto con la pelle sarà sempre asciutto, facilitando la fuoriuscita del sudore. In alternativa possiamo indossare due paia di calze e a metà giro fermarci e invertirli, in modo da portare all’esterno quello bagnato e all’interno quello asciutto. Ricordiamoci che il peggior materiale è il cotone, perché assorbe il sudore e quindi si inzuppa. Se non vogliamo investire in materiali supertecnici, la lana merinos è un’ottima scelta;
Bikeitalia corso di formazione Meccanica per bici da corsa e gravel

Corso online: Meccanica per Bici da Corsa e Gravel

  • Attenzione alle tacchette e alle scarpe: molto spesso la perdita di sensibilità al piede non dipende dal freddo bensì dalla posizione del pedale, che preme sui tessuti molli o da scarpe allacciate troppo strette, che producono una costrizione del piede. Nel primo caso potete rivolgervi a un biomeccanico per sistemare il problema, nel secondo provare ad allentare le scarpe e vedere se il problema sparisce da solo;
  • Cerotti riscaldanti: non li amo, perché inquinano (sono un rifiuto non riciclabile), ingombrano e spesso con il vento si raffreddano subito ma come extrema ratio si possono acquistare dei cerotti riscaldanti da applicare sul piede. Il problema è sempre lo stesso, perché il piede a contatto con il cerotto inizierà a sudare e se non avremo predisposto l’evacuazione del sudore con le calze adeguate, ci ritroveremo con i piedi metà gelati e metà tiepidi nelle zone coperte dai cerotti;

Concludendo

Fizik Terra Clima X2

Abbiamo visto come proteggere i piedi pedalando in inverno. Si chiama brutta stagione ma a me non piace definirla così, perché comunque ha un qualcosa di speciale: il silenzio, il fango, i sentieri ghiacciati, i panorami. Sono tutte belle sensazioni che accompagnano una pedalata in inverno, per cui non dobbiamo rinunciarvi solo per paura di avere i piedi freddi.

Basta adottare le giuste strategie per poter godere di una bella pedalata, anche nel freddo inverno.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti