Viaggio in bicicletta: comfort o prestazione? - Bikeitalia.it

Viaggio in bicicletta: comfort o prestazione?

Viaggio in bicicletta: comfort o prestazione? Noi di Bikeitalia ci occupiamo di visite biomeccaniche dal 2015. Molti cicloturisti si sono rivolti a noi per problemi in sella o per dolori alla schiena o alle ginocchia. Spesso questi atleti (perché comunque di atleti di endurance si parla) faticano a comprendere che il viaggio in bici è comunque una prestazione atletica. E da qui nascono fraintendimenti. In questo articolo voglio parlare dell’approccio ottimale al viaggio in bicicletta: comfort o prestazione?

Le caratteristiche di un viaggio in bicicletta

Viaggio in bicicletta

Quando si parla di un viaggio in bicicletta spesso sorgono alla mente idee romantiche di libertà e di panorami fantastici e di certo non si va a pensare al cicloturismo in termini di comfort o prestazione. Dato che comunque stiamo parlando di un’attività fisica di resistenza aerobica, la prestazione che dovremo andare a effettuare è comunque un fattore preponderante e che va a influenzare la scelta della sella idonea per viaggiare.

Il ciclismo, anche nella sua declinazione del viaggio in bicicletta, è un’attività fisica di resistenza aerobica di lunga durata, dove il ciclista deve produrre movimento attraverso la contrazione dei muscoli delle gambe, che muovono i pedali. Tale contrazione viene sostenuta in larga parte dal consumo di grassi a scopo energetico, che vengono sintetizzati in presenza di ossigeno, trasportato ai muscoli dal sangue pompato in circolo dal cuore.

Meglio prediligere il comfort o la prestazione?

Gravel

Se andiamo ad analizzare la prestazione fisica del cicloturista, indipendentemente dal tipo di viaggio svolto, possiamo notare delle caratteristiche peculiari:

  • Grande varietà di tipologie di terreno da affrontare;
  • Notevole dislivello positivo accumulato;
  • Lunghezza delle tappe variabile da giornata a giornata;
  • Prestazione protratta per 8-14 ore al giorno;
  • Ritmo lento, spezzato da eventuali momenti ad alta intensità (soprattutto se si affrontano lunghe salite);
  • Notevole peso del mezzo, appesantito dal bagaglio. Questo aspetto causa una maggiore difficoltà di controllo della bici per la presenza di questo peso supplementare lontano dal baricentro;
  • Condizioni atmosferiche variabili

Viaggio in bicicletta: performance o comfort?

Viaggio in bicicletta

In sostanza il cicloturista è un ciclista che passa molte ore in bici, spesso per più giorni di fila, portando un carico aggiuntivo oltre al peso della bici stessa e che tende a pedalare in modo costante, variando ritmo solo in occasione di salite, su terreni molto diversi tra loro. Da questo si capisce un punto focale: per il cicloturista il comfort in sella (e sulla bici in generale) è molto più importante rispetto alla prestazione. Quando un cicloturista deve approcciarsi al posizionamento biomeccanico o alla scelta della sella per viaggiare, dovrà concentrarsi maggiormente sulla comodità, sacrificando magari gli aspetti prestazionali, aerodinamici o legati al peso stesso del componente.

Inoltre è fondamentale l’affidabilità del componente sella (sicurezza, durevolezza, costanza di prestazioni nel tempo, robustezza). Stare in bici per diversi giorni o settimane consecutive sottopone la sella a continuo stress e il ciclista si trova a volte in zone prive di qualsiasi assistenza. Ecco che la sella non deve mai dare problemi di affidabilità. 

Scarica l’ebook gratuito “Comfort in viaggio”

Se vuoi approfondire il tema della scelta della sella per viaggiare, puoi scaricare il nostro ebook gratuito. L’ebook è stato realizzato con la collaborazione dell’azienda Selle SMP, per fornire tutte le indicazioni per scegliere la sella giusta per viaggiare.

sella giusta per viaggiare in bicicletta

Commenti

Nessun commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti