MENU

Slovenia in bici: percorsi e informazioni

Itinerari, Slovenia • di

Slovenia in bici

Informazioni generali sul cicloturismo in Slovenia

La Slovenia non è una delle grandi mete storiche del cicloturismo, come possono essere Austria o Germania. Fra le “nuove frontiere” del cicloturismo però è sicuramente una delle più interessanti, se non altro per la vicinanza con l’Italia.

Mappa Slovenia

cliccare per ingrandire

Dal punto di vista geografico, la Slovenia è un paese prevalentemente montuoso e collinare, con le Alpi a nord, lungo il confine con l’Austria, che degradano molto lentamente verso quote più basse. Di conseguenza, i percorsi sono spesso caratterizzati da un alternarsi di salite e discese, a meno di non seguire il percorso di un fiume, come accade nel caso della pista ciclabile della Drava. Solo la parte più orientale del paese, verso l’Ungheria e la Croazia, è pianeggiante (è qui che passa la pista ciclabile del fiume Mur, proveniente dall’Austria).  Il clima è naturalmente simile a quello italiano, e di conseguenza le stagioni migliori per fare cicloturismo sono la primavera avanzata e la fine dell’estate, quando non fa troppo caldo nelle zone più basse, né troppo freddo in quelle più montagnose. La popolazione totale della Slovenia è di poco più di 2 milioni, e il paese ha una densità abitativa pari a circa la metà di quella italiana: questo ci fa capire come in molte zone della Slovenia la natura mantiene un certo senso di selvaticità, pur all’interno di un paese moderno.

Dal punto di vista culturale invece, la Slovenia risente ancora molto dell’influenza dell’impero austro-ungarico, di cui ha fatto parte fino alla Prima Guerra Mondiale; una pedalata per Lubiana fa capire come la città fosse pienamente immersa nel clima della Mitteleuropa; la benefica influenza dell’impero (già a inizio del Novecento il tasso di alfabetizzazione era del 80-90%) si è manifestata con un maggiore sviluppo anche nei decenni successivi, soprattutto in comparazione con le altre regioni che hanno poi costituito la Jugoslavia. A Lubiana, una passeggiata nel centro storico permette di recuperare entro certi limiti l’atmosfera dell’epoca; dal castello che domina la città invece si può ammirare un ampio panorama, in gran parte coperto dal tratto sloveno di Eurovelo 9, un percorso che permette di visitare la Slovenia in bici partendo da Trieste; continuando lungo EV9 si passa per la città termale di Laško fino a giungere a Maribor, la seconda città della Slovenia, da cui volendo si può continuare lungo la Drava per il percorso già menzionato.

 

Lubiana antica

Un’immagine di Lubiana nel XVIII secolo

Informazioni pratiche: visitare la Slovenia in bici

Il cicloturismo non è un settore su cui si è tradizionalmente puntato molto in Slovenia; negli ultimi anni comunque c’è una crescente attenzione verso questo tipo di turismo, e alcune zone cominciano ad avere percorsi ben segnati e altri servizi per cicloturisti. Oltre ai percorsi già menzionati, la zona del lago di Bled è adatta per una vacanza in bici del tipo “a stella”, facendo base nello stesso posto con diverse escursioni giornaliere. Anche la valle dell’Isonzo permette escursioni di questo tipo, con il vantaggio di essere molto vicina all’Italia.

Oggi la Slovenia è parte dell’Unione Europea, aderisce al trattato di Schengen e ha scelto l’euro come moneta; visitare la Slovenia quindi è molto facile da un punto di vista burocratico. Il modo più semplice è prendere un treno fino a Trieste e pedalare lungo EV9 per una decina di chilometri fino a superare la frontiera; l’intero tratto sloveno di EV9 è lungo 260km circa, una distanza facilmente gestibile. E’ anche possibile partire da Tarvisio, attraversare il confine in direzione di Kranjska Gora e il lago di Bled, arrivare a Lubiana e intercettare lì EV9. Se si preferisce penetrare più nell’interno prima di salire in sella, è possibile continuare in treno fino a Lubiana o Maribor, anche se i collegamenti possono essere difficoltosi; da queste città volendo si può continuare il viaggio su treni regionali. Se abitate in regioni d’Italia lontane dal confine, potreste essere tentati di prendere l’aereo, ma è necessario fare scalo in altri paesi europei per raggiungere Lubiana; più comodo atterrare a Trieste e proseguire in bici. Potrebbe essere un’ottima occasione per fare un lungo viaggio in bici, risalendo la penisola grazie a EV7, EV8 o la Ciclovia Adriatica.

Slovenia in biciNei centri per informazioni turistiche sono spesso presenti dei punti informativi per ciclisti, riconoscibili dal logo verde qui a fianco. Qui è possibile trovare mappe cartacee dei percorsi cicloturistici della zona, e informazioni su come raggiungerli in bici o usando i mezzi pubblici.

L’uso del casco è obbligatorio per i bambini sotto i 14 anni.

La sezione dedicata al cicloturismo del portale turistico sloveno ha molte informazioni utili. Vi può essere utile anche consultare le proposte di viaggi in bici organizzati da tour operator in Slovenia.

Piste ciclabili e percorsi cicloturistici in Slovenia

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *