MENU
fancy women bike ride 2019

La Graziella: un mito che non tramonta

News, Storia • di 2 Luglio 2013

graziella-bici

Ma perché oggi il nome Graziella è ancora così magico? Era magico anche l’anno in cui fu progettata, il 1961, da Rinaldo Donzelli e costruita da Teodoro Carnielli di Vittorio Veneto. Divenne immediatamente un simbolo del made in Italy capace di generare una assoluta novità: una elegante bici pieghevole destinata per oltre 20 anni ad essere un punto di riferimento e quindi di imitazione anche da parte di altre marche come l’Atala, la Legnano, L’Aurelia, la Bianchi ecc…, ma la Graziella era inconfondibile. Uno dei tratti distintivi, oltre al fatto che era la prima pieghevole che si vedeva in Italia, era Il portapacchi che fungeva anche da telaio: non c’erano i consueti foderi e i forcellini erano saldati direttamente al portapacchi. In quel periodo, 20 anni dopo la guerra, la rimonta morale, sociale ed economica dell’Italia era in piena velocità. E la Graziella arrivò a sconvolgere un mercato che era fatto di bici povere e anche un po’ tristi, passate da padre in figlio. Come si vede dalle prime foto affascinò personaggi famosi e prendendo spunta da una delle foto venne definita “la Rolls Royce di Brigitte Bardot”. Un paragone che può apparire oggi irriverente ma all’epoca non lo era, visto lo straordinario livello qualitativo di questa bicicletta. La sua straordinaria praticità, il robusto telaio, pieghevole grazie alla cerniera centrale, l’assenza della canna centrale, il grande e robustissimo portapacchi, le ruote piccole, la sella imbottita, ammortizzata e sfilabile, il manubrio comodo e smontabile ne permettevano il trasporto in qualsiasi condizione, auto, treno , pulmann ecc…tutto questo in un oggetto solo, la rendevano immediatamente identificabile come un simbolo di libertà e anticonformismo che era autentica benzina sul fuoco all’entusiasmo di quegli anni (per capire solo un po’: tutti in quegli anni riuscivano a farsi una casa…). Molte più foto e documentazione potete trovarle sul sito degli appassionati da cui ho tratto diverse informazioni e soprattutto foto per questo report.

graziella-mito

Non è mia intenzione fare la cronologia storica della continua evoluzione dei modelli, come furono modificati nel tempo e perché. Questa lavoro evolutivo continuo e diversificato fu messo in atto per diversificarsi dalle molteplici imitazioni. Credo che questo oggetto parli da sé soprattutto se lo si pensa rapportato all’epoca abbandonando i nostri conformismi mentali attuali. La Carnielli era talmente consapevole della sua trovata che si preoccupava di consentire all’acquirente di mantenere il colore impeccabile consegnando insieme alla bicicletta un tubetto di vernice, con tanto di pennellino incorporato nel tappo, per i ritocchi necessari.
Ecco un modello con tanto di manometro per la velocità, contachilometri e faro in un blocco unico. Questa posizione del faro, fissa sul telaio, non fa per la verità molto onore, o quantomeno non è al livello del progetto nel suo complesso: di notte, curvando, la luce non segue la direzione della bicicletta.

graziella

graziella-campanelloIl campanello faceva parte anche esso dello stile Graziella e aveva un tocco di classe inconfondibile. Era costruito in solido metallo e faceva risaltare il marchio con una “G” a sbalzo inserita in un esagono allungato. Il suo suono era potente e squillante nel timbro.

Ultima, ma non la meno importante, la facile quanto sicura smontabilità. Allo scopo la meticolosa Carnielli montava in dotazione una piccola trousse di attrezzi appositamente realizzati, da inserire in parti dedicate del telaio onde portarli sempre con se. Aveva pure un blocca sterzo inserito nel telaio.

graziella-foto
Seguirono anche altri modelli che colpirono il mercato per la fantasia e l’innovazione per quei tempi
Ecco la Graziella Flor, decisamente hippy e di grande appeal, come si dice…

graziella-flor

giradischiComperando questo modello si riceveva in omaggio il 45 giri della Fonit Cetra “io vado sul fiore…vieni anche tu”. Operazioni di marketing che oggi forse fanno sorridere, ma che all’epoca erano vissute dai clienti come una grande offerta: era molto difficile che in famiglia di fosse un giradischi, ma i mangiadischi erano a portata di tutte le tasche e ci stavano sul portapacchi della Graziella: incredibile trovata per sentire musica in giro con gli amici.
Chi aveva il mangiadischi, cuccava, come si dice…

graziella-chopper Un altro modello che sorprese tutti i produttori che si affrettarono a imitarlo era la Graziella Cross a cui fu abbinato un caschetto con tanto di para mento. Caratteristica di questa bicicletta era una protezione alla ruota davanti e una sella allungata che la faceva sembrare una moto e ci si poteva sedere in due.

Altro modello sportivo e molto innovativo era il chopper Graziella Leopard, eccone alcune foto. Aggressivissimo con due fari anteriori, contachilometri e manometro per la velocità, ammortizzata davanti e dietro, una full suspended ante litteram, cambio sul tubo centrale a cloche, ruote grasse, insomma questi genitori…poi si lamentano che quando i figli diventano grandi vogliono la Harley. Anche questa, ovviamente, aveva il casco dedicato.

graziella-rossa

La Graziella è stata la bicicletta di quell’epoca. Potremmo addirittura, noi vecchi, sostituire il classico “ti ricordi ai bei tempi?” con un più identificativo: “ti ricordi di quando c’era la Graziella?”. In tutte le case ce n’era una, anche di imitazione. Ma tutte venivano chiamate Graziella anche se non erano della Carnielli. Ha accompagnato la nostra gioventù ed è arrivata ad affascinare anche la gioventù di oggi. Qui, per esempio, il nostro amico Paolo Colombo si è divertito a recuperare una Graziella rottamata e a trasformarla in una bici da viaggio con tanto di ugelli per il portapacchi anteriore e tutto quanto serve. E’ partito da casa ed è andato al mare.
Oppure al sito www.selvatiko.com troverete Mauro Vanoli ha raggiunto il campo base dell’Everest.
C’è pure Franco Cacciatori, un signore che si diverte a scalare i più impegnativi passi alpini tra la meraviglia dei ciclisti attrezzati e lo sconcerto di quelli che non sopportano una cosa del genere con una graziella che ha recuperato. Con tanto di registratore applicato per sentire lungo il tragitto la sua musica preferita.

Ma la festa della Graziella è a Bergamo con le “Grazielliadi” lungo le mura e il centro di città alta e si disputano da 5 anni. Organizzate dagli appassionati di Pedalopolis.
Si tratta di 5 gare particolari e dedicate, dove si gareggia per il puro divertimento, in due su una Graziella. C’è pure la gara di chi riesce ad andare più piano, sembra la più facile, ma non è semplice stare sulla bici a 2 o 3 km all’ora nel tentativo di andare lenti. Ecco un po’ di foto e di racconti di come è andata. Essendo chiamata la cavalleresca ad un partecipante è parso molto ovvio far diventare la propria Graziella un cavallo medioevale e armati di tutto punto hanno affrontato da par loro la gara.

grazielliadi

Qualcuno invece ha preso la gara molto sul serio e ha pensato bene di allestirla con una ruota da cronometro.

grazielle

Chi invece in previsione di cavalcarla sui lunghi rettilinei americani del film “Easy rider” ne ha modificato l’assetto anteriore e la sella con poggia schiena e per alleggerirla ha tolto il freno davanti: ecco il Chopper.

graziella-xl

Era anche presente la Graziella in tenuta da viaggio e cavalcata dal marinario Paolo che già abbiamo menzionato per il viaggio al mare in Graziella, ma eccola in tutto il suo splendore: sicuramente la più bella delle gareggianti.

graziella-paolo

Ed ecco la partenza delle Grazielliadi.

grazielle-foto

Le varie gare erano tutte di carattere divertente e ogni Graziella doveva avere il passeggero sul portapacchi. Nella gara qui sotto la gara è a eliminazione e vince chi arriva ultimo: il più bravo ad andare in piano. Il premio per il primo, il secondo e il terzo classificato era la raccolta delle strisce di plastica alla fine della gara per liberare il prato.

grazielliadi-gara

In questa invece due equipaggi si affrontano tentando di mettere più palline nel cesto del’avversario.

grazielliadi-gare

Questa simpatica manifestazione ha attirato l’attenzione dei turisti, molti gli stranieri, che assiepavano città alta.
I severissimi giudici della Associazione Pedalopolis hanno determinato i punteggi e dichiarato il vincitore gara per gare fino al punteggio finale. Va reso il dovuto onore a questa associazione che promuove con molte iniziative l’uso della bicicletta e la vive anche per come strumento di socializzazione. Diffonde inoltre la conoscenza della ciclomeccanica in due ciclofficine presenti una alla stazione di Bergamo e l’altra alla vecchia stazione di Ponteranica.
Per chi volesse conoscerla meglio, e merita, ecco il sito www.pedalopolis.org. Ed eccone alcuni di loro schierati a giudicare le prestazioni dei più lenti. Un doveroso e gradito omaggio al loro impegno.

le-grazielliadi







3 Risposte a La Graziella: un mito che non tramonta

  1. Davide ha detto:

    Cari Amici,
    la Graziella è stata la mia prima bicicletta: come non ricordarsi dei miei 4 anni su una Graziella blu per la prima volta senza rotelle!
    E oggi la sto ricercando per renderla la mia “Bici di Tutti i Giorni”: comoda negli spostamenti in treno troverebbe sicuramente un piccolo spazio nello spogliatoio dello studio.

  2. felino ha detto:

    come volevasi dimostrare: ha conservato intatto il suo appeal come si dice in linguaggio trendy. sicuramente era all’avanguardia per il fatto di essere pieghevole e lo è ancora oggi: piegata non paga il biglietto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *