Oslo: lo stop alle auto sta portando i primi risultati - Bikeitalia.it

Oslo: lo stop alle auto sta portando i primi risultati

22 Febbraio 2019

Mentre il governo italiano approvava la finanziaria 2019 introducendo la possibilità per le auto elettriche e ibride di entrare liberamente nelle ZTL e nelle aree pedonali in Norvegia accadeva l’esatto contrario.
Dal 1° Gennaio 2019 infatti, a 2.500 km di distanza da Roma la città di Oslo vietava l’accesso al centro storico a tutte le auto, con esclusione al transito dei mezzi di soccorso e di quelli per il trasporto di persone con disabilità.
L’iniziativa riguarda un’area di 2 km quadrati, con una popolazione residente di 5.500 abitanti e un flusso di 120.000 persone che ogni giorno si recano in centro per lavoro, studio o per piacere.

Oslo_senza_auto

La decisione di vietare l’accesso alle auto arriva a conclusione di un percorso che la città ha iniziato ormai nel 2015, quando il sindaco di Oslo Marianne Borgen annunciò diversi provvedimenti con l’obiettivo di ridurre del 95% le emissioni di CO2 entro il 2030.

Oslo ha cominciato riducendo i posti auto disponibili, creando nuove aree pedonali e investendo ingenti somme di denaro nel trasporto pubblico.
Il centro di Oslo si è visto tagliare 700 posti auto in 3 anni: oggi quel suolo pubblico si è trasformato in nuove piste ciclabili, piazze, aree verdi e spazi d’incontro.

La capitale della Norvegia è tradizionalmente una città attenta all’ambiente e alla qualità della vita, non a caso le prime pedonalizzazioni del centro storico iniziarono nel 1970. Allo stesso modo, dal 1980 la città sta investendo sul servizio di trasporto pubblico, aumentando le linee e le frequenze, rendendolo sempre più efficiente.
Gli investimenti nella mobilità ciclistica sono aumentati, così come il numero di spostamenti in bici effettuati grazie al servizio di bike sharing: 3 milioni di viaggi all’anno in più rispetto al 2015. Un ulteriore obiettivo dell’amministrazione è di avere il 18% degli spostamenti urbani in bicicletta entro il 2020.

Oslo_senza_auto

Togliere le auto da Oslo si è rivelata una scelta difficile, che fin dall’inizio ha scontentano un’ampia fetta di popolazione ma oggi, a 3 anni di distanza sono sempre più le persone che credono nella bontà dell’iniziativa. Tant’è vero che più del 50% della popolazione è favorevole a politiche di riduzione del parco auto cittadino.

Oggi Oslo comincia a vedere i frutti di un percorso iniziato tempo addietro: la qualità dell’aria è aumentata notevolmente, l’80% dei residenti non possiede un’auto di proprietà e le aree pedonali hanno registrato un aumento di pedoni del 10% rispetto al 2018.

Grazie a queste azioni la città è stata nominata “Capitale verde d’Europa” per l’anno 2019.

Mentre in Italia l’auto elettrica è considerata la soluzione a tutti i mali della mobilità, Oslo ha capito invece che l’auto, a qualsiasi propulsione, è un mezzo inadatto alle città e per questo deve essere allontanata, almeno dal centro storico.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti