La pedonalizzazione fa bene al commercio: a Madrid +9,5% - Bikeitalia.it

La pedonalizzazione fa bene al commercio: a Madrid +9,5%

12 Marzo 2019

In Italia ogni volta che un’amministrazione comunale annuncia la pedonalizzazione di una strada, puntuale arriva qualche associazione di commercianti che s’inalbera e protesta perché teme di perdere la clientela e registrare un assottigliamento degli incassi: se non c’è posto per parcheggiare davanti al negozio (magari anche in doppia fila, ndr) sarà un disastro, sostengono i contestatori anti-pedonalizzazione. Invece in Spagna il recente caso della Gran Vía di Madrid conferma che limitare l’accesso alle auto, dando più spazio alla pedonalità e al trasporto pubblico, fa bene al commercio.

Il Comune di Madrid ha realizzato uno studio con i dati dell’Istituto finanziario Banco Bilbao Vizcaya Argentaria (BBVA) analizzando 20 milioni di transazioni commerciali elettroniche nel periodo compreso tra il primo dicembre 2018 e il 7 gennaio 2019: durante gli acquisti per le vacanze natalizie sono stati spesi 5.884 milioni di euro in tutta la città, ma l’aumento maggiore degli incassi rispetto allo scorso Natale si è verificata nella nuova zona a basse emissioni di Madrid Central (+8,6%) di cui fa parte anche la Gran Vía che ha registrato un picco di +9,5%, a fronte di un aumento nel resto della città del +3,3%.

In particolare i dati di questo studio confermano anche che le misure messe in atto dal Comune di Madrid per disincentivare l’uso dell’auto hanno prodotto un incremento degli spostamenti a piedi e con i mezzi pubblici rispetto all’anno precedente. Anche sul fronte dell’inquinamento la riduzione del traffico motorizzato nel centro della città ha migliorato la qualità dell’aria (con riduzioni fino al 30% delle emissioni nell’area della Gran Vía). Dunque l’obiettivo di ridurre il traffico e l’inquinamento per tutelare la salute pubblica puntando su spostamenti a piedi, in bicicletta e con il trasporto pubblico è riuscito anche a rendere più appetibili gli acquisti nelle aree senz’auto.

Per quanto riguarda i settori di acquisto, la metà della spesa totale analizzata nella città di Madrid è stata per moda, scarpe e accessori (20,6%); ristorazione (16,9%) e alimentare (11,3%). Sotto il 10% troviamo grandi magazzini (7,8%); altri beni e servizi (6,9%); assistenza personale (6,3%); tempo libero, intrattenimento e cultura (6,1%); servizi sanitari (4,5%), elettronica e fotografia (4,2%); trasporti (3,8%); alloggi turistici (3,4%); sport e giocattoli (2,4%); automotive (2,1%); casalinghi (2,1%); altri (1,5%).

Nel centro di Madrid la moda e il catering, rispettivamente con il 26,8% e con il 26,6%, hanno rappresentato le voci di spesa maggiore seguiti a distanza da “spettacoli per il tempo libero e cultura” e “alloggi turistici” ciascuna al 9%. Quindi “altri beni e servizi” (5,5%), “prodotti alimentari” (5,3%), “cura personale” (5,2%), “elettronica e fotografia” (3,7%), “servizi sanitari” (2,9%), “altro” (6,1%). Mentre invece se si analizza solo l’area della Gran Vía “moda, calzature e accessori” sono protagonisti con il 33%, il catering segue con il 16,3% e le locazioni turistiche si attestano al 9,3%. E ben il 56,6% delle transazioni è avvenuto nel cuore dell’area pedonalizzata.

Ridurre il traffico automobilistico e incrementare gli spostamenti a piedi fa bene agli acquisti nelle strade in cui viene adottata questa misura: questo recente caso di studio di Madrid dimostra ancora una volta che le pedonalizzazioni – specie in zone a vocazione commerciale – sono amiche degli acquisti.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti