COP26, la promozione della mobilità attiva entra nel documento sui trasporti - Bikeitalia.it

COP26, la promozione della mobilità attiva entra nel documento sui trasporti

12 Novembre 2021

La promozione della mobilità attiva – in bicicletta e a piedi – entra nel documento sui trasporti della COP26, sottoscritto per indirizzare il settore dell’automotive verso un futuro a zero emissioni e dare le linee guida generali alla mobilità del futuro. La parte che riguarda la mobilità attiva – in una prima stesura non presente – è stata aggiunta dopo una serrata campagna mediatica da parte dei cicloattivisti presenti a Glasgow e rappresenta un riconoscimento che finora, nei documenti ufficiali prodotti al vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, non c’era ancora stato.

Il paragrafo aggiunto alla dichiarazione in oggetto recita così: “Riconosciamo che, insieme al passaggio a veicoli a emissioni zero, un futuro sostenibile per il trasporto su strada richiederà una più ampia trasformazione del sistema, compreso il supporto per i viaggi attivi, il trasporto pubblico e condiviso, nonché l’impatto sull’intera catena del valore derivante dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei veicoli”.

COP26 messaggio ECF promuovere uso della bici per ridurre le emissioni

Sotto il cappello della “mobilità attiva” ricadono lo spostarsi a piedi e in bicicletta, quindi anche se non è scritto nero su bianco “bici” si tratta pur sempre di un’espressione che premia la battaglia collettiva portata avanti da ECF (European Cyclists’ Federation) che ha lanciato una lettera aperta (sottoscritta da oltre 300 associazioni a livello globale, ndr) per dare alle due ruote a pedali il giusto riconoscimento all’interno della COP26 e, soprattutto, per il futuro della mobilità a partire dalle città.

Mobilità attiva

Nel presentare il documento, qualche settimana fa, Henk Swarttouw, presidente di ECF e della WCA – World Cycling Alliance, aveva sottolineato l’importanza di puntare sulle due ruote a pedali: “La bicicletta dovrebbe essere una pietra angolare delle strategie globali, nazionali e locali per raggiungere gli obiettivi di zero emissioni di carbonio. Alla COP26, i governi devono impegnarsi a fornire finanziamenti e leggi per uno spazio sicuro ed equo per la bicicletta ovunque. I cittadini sono pronti al cambiamento; ora i nostri leader devono attuarlo”.

This machine fights climate change Cycling UK Glasgow

Ora che la mobilità attiva è stata inserita nell’agenda della COP26, Swarttouw ha ringraziato via Twitter i sostenitori di questo lavoro di pressione collettiva per raggiungere questo primo, importante risultato:

“In origine, questa dichiarazione non menzionava il viaggio attivo. Ora lo fa. Grazie a tutte le oltre 300 organizzazioni che hanno firmato la nostra lettera ai leader alla #COP26. Un lavoro congiunto di lobby ben fatto!”, ha twittato.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti