Politiche

La protesta degli studiosi del clima contro il greenwashing di BMW

La protesta degli studiosi del clima contro il greenwashing di BMW

Tredici membri di Scientist Rebellion – un gruppo di scienziati affiliato al movimento Extinction Rebellion – sono in custodia cautelare estesa a seguito di un’azione non violenta nello showroom BMW World di Monaco di Baviera.
La crisi climatica incombe e i governi continuano a non ascoltare scienziati e ricercatori: qualcuno ha deciso di agire per rivendicare il diritto di protesta.

scientist rebellion bmw

Dall’accordo di Parigi al fallimento climatico

In vista della COP27 di Sharm-el-Sheik, numerosi gruppi di azione climatica si sono mobilitati nelle ultime settimane: tra questi Scientist Rebellion, gruppo di scienziati e accademici che hanno scelto la disobbedienza civile contro l’indifferenza della politica sulla crisi climatica.

Il 29 Ottobre scorso, 13 attivisti sono entrati nel BMW World di Monaco di Baviera e hanno gettato della vernice su alcuni modelli di lusso esposti, per poi incollare sé stessi e dei manifesti cartacei alla carrozzeria di una vettura.
La rivendicazione è chiara: ottenere dai leader mondiali l’ammissione del fallimento climatico (“Climate Failure”), ovvero l’impossibilità di contenere l’aumento della temperatura media del pianeta sotto la soglia degli 1,5°C.

L’obiettivo era stato fissato nel 2015 dall’Accordo di Parigi, ma in questi 7 anni nessun governo o ente internazionale ha introdotto misure vincolanti: la crisi climatica nel frattempo avanza.
La dottoressa Lauranne Gauteau, membro del gruppo di scienziati, afferma senza mezzi termini: “Non ci arriveremo mai. È una menzogna. Per cui dobbiamo dire alle persone cosa sta succedendo.

L’auto ecologica non esiste

L’azione ha preso di mira il gruppo BMW per richiamare l’attenzione sul greenwashing: mentre il marchio bavarese pubblicizza i suoi modelli elettrici e ibridi, le emissioni dei modelli benzina e diesel sono dell’81% superiori a quelle dichiarate.
Il dato proviene da uno studio della Federazione Europea per i Trasporti e l’Ambiente, che ha rilevato questa tendenza in tutti i principali gruppi del settore auto.

Al momento gli scienziati si trovano ancora in custodia cautelare estesa, misura contemplata dall’ordinamento tedesco e applicata per impedire loro di continuare con le proteste che avevano programmato fino al 4 novembre.

scientist rebellion bmw

Le richieste di Scientist Rebellion al governo tedesco

Il gruppo di studiosi fa parte della piattaforma Unite Against Climate Failure, che chiede al governo tedesco di riconoscere il fallimento climatico e mettere in campo azioni concrete:

  • chiedere immediatamente alla Banca Mondiale e al Fondo Monetario Internazionale di cancellare i debiti accumulati da Paesi che hanno l’impronta climatica minore
  • continuare l’impegno per una decarbonizzazione equa del settore dei trasporti, reintroducendo l’abbonamento mensile a 9 € per il trasporto pubblico e limitando la velocità massima della rete autostradale tedesca a 100 km/h.

Accogliendo le richieste del gruppo di scienziati, il governo tedesco potrebbe mandare un messaggio molto forte al summit della COP27: siamo fuori tempo massimo ed è ora di prendere misure radicali.
Potete trovare maggiori informazioni e firmare la petizione al governo tedesco sul sito web: Unite Against Climate Failure

[fonte: Il Mitte]

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Scopri di più

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *