Il mondo delle cargo bike: 10 articoli per fare il punto

29 Dicembre 2020

C’è una tipologia di bicicletta che si si è guadagnata, proprio in questi mesi, un ruolo da vera protagonista nella visione della nuova mobilità nelle nostre città: la cargo bike. Il 2020 ha segnato finalmente la sua riscoperta, mettendone in luce il ruolo chiave per il futuro della logistica e del trasporto privato urbano.

Il merito è di molti: di chi già la conosceva e non si è stancato di parlarne a tutti in termini entusiastici; di chi la utilizza per lavoro già da anni e durante il lockdown ha percorso migliaia di chilometri per trasportare di tutto, mostrando che una bici può fare tanto e può fare meglio di un van; di imprenditrici e imprenditori, negozianti e aziende che hanno scommesso sul futuro e stanno lavorando sodo per mostrare ai loro clienti quanto la cargo bike sia valida e importante per le nostre vite quotidiane.

Ripercorriamo così dodici mesi di articoli di Bikeitalia sulle cargo bike, rileggendo i dieci più importanti del 2020 con la certezza che il prossimo anno vedrà ancora la cargo bike protagonista.

1. Incentivi per l’acquisto

Iniziamo dal più recente, ma di fondamentale importanza per chi nel 2021 ha intenzione di acquistare una cargo bike per la propria azienda o esercizio commerciale. Sono infatti in arrivo degli incentivi per l’acquisto – il 30% di credito d’imposta per acquisto di cargo bike (fino a un massimo di 2.000 euro l’anno) – che potrebbero tradursi in una spinta concreta per la diffusione della ciclologistica. Puoi leggerlo qui.

2. Strategie di sviluppo del settore

Restiamo in tema di prospettive a medio termine: qui puoi leggere quali saranno i prossimi passi degli attori più importanti del settore e dell’industria, per capire verso dove stanno andando le cargo bike.

3. Il “cargo bike boom” del 2020

Da dove nascono tutti questi progetti e previsioni per i prossimi anni? Dal boom vissuto dal settore cargo negli ultimi tre anni: una crescita importante e sostenuta. I dati li trovi qui.

4. Il nostro Ebook sulla ciclologistica

Se leggere di tutte queste allettanti prospettive per il mondo cargo bike ti ha messo la pulce nell’orecchio e stai pensando a come integrarle nel tuo lavoro, qui trovi la nostra guida per saperne di più sul mondo cargo E-bike e sulla ciclologistica.

5. Cargo Bike a disposizione dei clienti IKEA

In attesa che le prospettive future si realizzino, in altri paesi c’è chi sta già facendo della ciclologistica una pratica quotidiana per molte persone. Si tratta del caso di IKEA, che le offre ai propri clienti per portare a casa i propri acquisti, più o meno ingombranti. Lo trovi qui.

6. Cargoroo, la start-up

Cargoroo è la prima start-up che offre un servizio di cargo bike sharing in molte città. Una impresa da tenere d’occhio: clicca qui per il nostro articolo.

7. Le cargo bike bavaresi

Intanto, in Baviera ci pensa la municipalità a creare un sistema di cargo bike sharing per la cittadinanza: un buon progetto, che non sfigurerebbe anche in altre città, magari italiane. Qui potrai saperne di più.

8. Presente e futuro delle cargo bike

Quali sono i modelli più curiosi e potenzialmente dirompenti per il futuro della ciclologistica? Qui una rassegna di quello che al momento rappresenta il futuro prossimo dell’evoluzione delle cargo bike.

9. Il viaggio di Myra

La scorsa estate, Myra Stals ha percorso 5000 km in Cargo Bike attraverso l’Italia, raccogliendo il lato meno nobile del nostro paese: 78,3 kg di plastica gettata ai bordi delle strade, uno scempio che Myra combatte con il suo progetto Cycle 2 Recycle. Qui trovi la sua intervista.

10. I bisogni delle cargo bike

Abbiamo speso molte parole sulle cargo bike e sulla ciclogistica, ma conosciamo quali sono le vere necessità di un utente che utilizza questo mezzo in città? Da qualche tempo possiamo rispondere di sì, grazie ad una ricerca scientifica che ce lo svela. Puoi saperne di più qui.

Buona (ri)lettura!

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti