Bici

Perché i corridori sloveni stanno dominando il ciclismo mondiale

La Slovenia ha raggiunto l’apice del ciclismo World Tour grazie a una combinazione di fattori storici e recenti. L’ultimo successo per il ciclismo sloveno è stata la vittoria di Primož Roglič al Giro d’Italia 2023, ma lo scorso anno al Tour de France 2022 il suo conterraneo Tadej Pogačar era arrivato secondo, sfiorando la terza vittoria consecutiva della Grande Boucle dopo la conquista delle edizioni 2020 e 2021. Queste imprese recenti hanno reso la Slovenia ancora più rilevante nel panorama ciclistico internazionale, consolidando la sua posizione di potenza emergente nel settore.

Roglic in Rosa www.giroditalia.it
La vittoria di Primož Roglič al Giro d’Italia 2023 | Fonte: www.giroditalia.it

Primož Roglič vince il Giro d’Italia 2023

Una terra di bici e di ciclisti, la Slovenia, che negli ultimi anni ha anche sviluppato i suoi itinerari cicloturistici e ospitato eventi internazionali della mobilità in bicicletta come Velo-city Lubiana 2022. E non a caso Primož Roglič, vincitore al Giro d’Italia 2023, è ambasciatore del turismo sloveno.

Una storia che viene da lontano

Nonostante il mito secondo cui il ciclismo sloveno sia emerso dal nulla, la verità è che il ciclismo è presente in Slovenia da tanto tempo quanto lo è il ciclismo stesso. Le origini del ciclismo in Slovenia possono essere fatte risalire addirittura al 1885, quando il primo team di ciclismo, il Laibacher Bicycle Club, si stabilì a Lubiana. Nel corso dei decenni successivi, il ciclismo sloveno ha visto lo sviluppo di corse sempre più importanti, come la Zagabria-Celje-Lubiana, una corsa di 200 km, e la Trieste-Vienna, che superava i 500 km. Anche durante il periodo tra le due guerre mondiali, i ciclisti sloveni hanno ottenuto risultati significativi partecipando alle Olimpiadi estive del 1924 e del 1928.

Tifosi sloveni in un momento del Giro d'Italia - Primož Roglič vincitore al Giro d'Italia 2023
Tifosi sloveni al Giro d’Italia (foto © Rcs Sport)

Club ciclistici sloveni

La vera svolta nella storia del ciclismo sloveno è arrivata con la fondazione di importanti club ciclistici come KD Rog nel 1949, seguito da Sava Kranj nel 1956 e Novo Mesto nel 1972. Questi club hanno costituito una solida base per lo sviluppo del ciclismo sloveno, contribuendo alla formazione di ciclisti di talento. Ad esempio, Primož Roglič proveniva da Adria Mobil, Tadej Pogačar da KD Rog e Matej Mohorič da KK Kranj.

La Jugoslavia socialista e la bicicletta

Durante il periodo socialista della Jugoslavia, i ciclisti di questi club erano impiegati dalle fabbriche che producevano le biciclette sponsorizzate dalle squadre stesse. Grazie alle politiche di autogestione operaia, i ciclisti ricevevano stipendi e attrezzature dalle aziende stesse e questo consentiva loro di dedicarsi al ciclismo a tempo pieno. Questo modello socialista ha permesso ai ciclisti sloveni di competere a livello internazionale e di ottenere risultati significativi.

L’indipendenza della Slovenia e un nuovo modello

Con la dissoluzione della Jugoslavia negli anni ’90, il ciclismo sloveno ha abbandonato il modello jugoslavo e si è avvicinato al modello di sponsorizzazione occidentale. La generazione più recente di ciclisti sloveni ha cercato fama e successo all’estero, con particolare attenzione all’Italia. L’indipendenza slovena nel 1991 ha inoltre aperto le porte alla partecipazione alle importanti corse ciclistiche internazionali, come il Giro d’Italia, che ha attraversato il territorio sloveno.

L’ascesa del ciclismo sloveno ai vertici del World Tour

La combinazione di una tradizione ciclistica radicata nella storia del paese, il supporto delle fabbriche e dei club ciclistici durante il periodo socialista e l’apertura verso il ciclismo professionistico internazionale ha contribuito alla rapida ascesa del ciclismo sloveno negli ultimi anni.

Il successo recente di ciclisti come Primož Roglič al Giro d’Italia 2023 (già vincitore di tre Vuelta di Spagna, 2019 / 2020 / 2021), Tadej Pogačar al Fiandre 2023 e al Tour de France (2020, 2021) e Matej Mohorič alla Classica di Primavera Milano-Sanremo 2022 ha portato la Slovenia al vertice del ciclismo World Tour, dimostrando la sua dominanza in alcune delle principali competizioni ciclistiche mondiali, dal Giro d’Italia al Tour de France.

La conferenza stampa dopo la vittoria della Milano-Sanremo 2022 di Matej Mohorič
La conferenza stampa del vincitore della Milano-Sanremo 2022 Matej Mohorič (foto © Rcs Sport)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *