La pulizia del caschetto da bici
MENU

La pulizia del caschetto da bici

Accessori, Bikelife • di

Casco_1
A pensarci bene, il caschetto che indossiamo durante le uscite in bici entra quotidianamente in contatto con il nostro sudore, i capelli, il respiro e anche la saliva, senza considerare la pioggia, la polvere e lo smog delle nostre città. Per questo è bene prevederne un lavaggio periodico, che ha la finalità di disinfettare la calotta interna, di tirare a lucido quella esterna ma anche di controllarne l’usura e la piena funzionalità. In questo articolo vedremo quali prodotti usare e quale procedura seguire per pulire al meglio il caschetto da ciclista.

La pulizia del caschetto in pillole

Pulire il caschetto è una gran bella abitudine, che permette di eliminare il sudore che irrimediabilmente viene assorbito dalle parti della calotta a contatto con la testa e dalle fascette che corrono lungo le guance e si fissano sotto al mento. Inoltre consente di rimuovere tracce di sporco, fango o polvere che si depositano sulla calotta esterna. Una volta pulito il caschetto si può investire qualche minuto nel controllo visivo dello stato del rivestimento esterno, che non deve presentare graffi, colpi o bozzi e della calotta interna, il cui involucro in schiumato espanso non deve avere vuoti, parti deformate o rotto. Se così fosse significa che il caschetto si è deformato in seguito a un impatto, derivato da una caduta in bici o da un punto elevato (basterebbe far cadere il caschetto da una sedia per deformarlo). In ultimo possiamo anche valutare l’efficienza delle fascette e del fissaggio a clip. Questo procedimento è essenziale per la nostra sicurezza, poiché il caschetto deve essere sempre integro, altrimenti non è funzionale e non ci proteggerà in caso d’impatto.

Tempistiche, difficoltà e attrezzatura

Pulire il caschetto è un’attività quasi banale, che non comporta alcuna difficoltà a parte un minimo di olio di gomito. Il tempo necessario è di circa 10 minuti di lavoro, più quello richiesto dall’asciugatura all’aria.
Casco_2
L’attrezzatura necessaria è la seguente:
• Bacinella: per pulire le fascette;
• Sapone per i piatti: meglio se naturale e biodegradabile;
• Pulitore per caschi: si tratta di un prodotto apposito per pulire la parte verniciata del casco, che non è troppo aggressivo sulla vernice. Meglio evitare di usare i comuni sgrassatori per la pulizia della casa, perché potrebbero risultare troppo potenti;
• Straccio: per pulire la calotta esterna;

La pulizia del caschetto passo-passo

Step 1: riempire la bacinella

CAsco_3
Riempite la bacinella con acqua tiepida (non serve che sia calda o bollente) e versate un minimo quantitativo di sapone per i piatti;

Step 2: Mettere a mollo le fascette

Casco_4
Casco_5
Poggiate il caschetto su un lato della bacinella e fate immergere le fascette nell’acqua. Lascetele a mollo per almeno cinque minuti;

Step 3: Strofinare le fascette

Casco_6
Prendete in mano le due fascette e strofinatele energicamente, in modo da rimuovere le impurità assorbite dal tessuto. Una volta terminata l’operazione, strizzatele per bene;

Step 4: Pulire la calotta interna

Casco_7
Casco_8
Immergete uno straccio nell’acqua saponata e strofinate la calotta interna, soprattutto dove ci sono le fascette per la sudorazione.
Casco_9

Casco_10
Passate lo straccio anche nelle fessure di aerazione e sulla chiusura a cremagliera posteriore;

Step 5: Pulire la calotta esterna

Casco_11
Casco_12
Agitate la bomboletta del pulitore spray per caschi e spruzzate un velo di schiuma sull’intera calotta esterna. Prendete poi lo straccio ed eliminate la schiuma in eccesso, strofinando bene per lucidare la calotta.
Casco_13
Casco_14
Date una passata anche alla calotta interna per rimuovere eventuali tracce di schiuma passate attraverso le fessure di aerazione;

Step 6: Lasciare asciugare il caschetto all’aria

Casco_15
Esponete all’aria il caschetto, in zona ombreggiata e fate in modo che si asciughi naturalmente, senza usare phon o altri sistemi. Una volta che il caschetto è asciutto, passate in rassegna tutti i suoi punti deboli, per un controllo visivo dello “stato di salute” generale.

Libri

bici-1 bici-2 bici-3

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *