Montare un movimento centrale a calotte integrate - Bikeitalia.it

Montare un movimento centrale a calotte integrate

Centrale_1

Presentata nel 2003 da Shimano sul gruppo XTR, la tecnologia a calotte integrate ha apportato una vera rivoluzione nel modo di concepire il movimento centrale stesso. Il perno s’intregra nella guarnitura, migliorando la rigidità, mentre i cuscinetti sono inseriti a pressione all’interno delle calotte avvitate al telaio, migliorando la scorrevolezza e semplificando notevolmente le procedure di montaggio e di regolazione. In questo articolo ci occuperemo del corretto montaggio di un movimento centrale a calotte integrate del tipo Shimano Hollowtech II, ma la procedura si adatta a qualunque tipo di centrale integrato a filetto.

Anatomia di un centrale a calotte integrate

Centrale_2

Un movimento Hollowtech II (e qualsiasi tipo di centrale integrato) presenta due calotte formate da una parte filettata e da una di diametro più grande, dove sono stati inseriti i cuscinetti. Entrambe le calotte si avvitano al telaio sulla scatola del movimento centrale e vengono collegate tra loro da un tubo in plastica che funge da protezione del perno integrato nella guarnitura.

Centrale_3

Questa soluzione innovativa ha eliminato i vari problemi di regolazione dei classici movimenti centrali a calotte regolabili, così come ha aumentato la rigidità torsionale rispetto ai movimenti centrali a cartuccia.

Quando si acquista un movimento centrale di questo tipo, vi sono degli aspetti importanti cui fare attenzione, per evitare di sbagliare:

Centrale_4

Filettatura: i centrali Hollowtech sono proposti sia in filettatura BSA che Italiana. Oltre al diverso passo e dimensione dei filetti, l’aspetto più immediato è il differente senso di avvitamento della calotta destra. Nel filetto BSA la calotta si avvita in senso antiorario mentre nel filetto Italiano si avvita in senso orario. Questo sta a significare che i due filetti non possono mai essere scambiati, pena la possibilità di rovinare il filetto della scatola del movimento (che richiederebbe quindi un ripasso). Per questo è bene sapere che tipo di filetto è presenta sulla bici su cui dobbiamo intervenire. Un sistema immediato per riconoscere i filetti è osservare le calotte montate e da sostituire, poiché di solito viene indicato il verso di avvitamento con una freccia e la dicitura inglese “Tighten” (che significa serraggio). Se il senso di avvitamento è identico, allora è un filetto italiano, se invece è opposto allora il filetto è inglese. Se la bici è invece di primo montaggio e non abbiamo la possibilità di effettuare questa verifica, il primo passo è quello di cercare sul sito del costruttore per controllare le specifiche, altrimenti non rimane che usare un contafiletti e verificare il senso di avvolgimento interno del filetto;

Centrale_5

Larghezza scatola: dovete misurare con il calibro la larghezza della scatola del movimento centrale, per vedere se è da 68mm, 73mm o 83mm, poiché sulla base di questa misura andranno usati i distanziali per aumentare la luce tra i cuscinetti e quindi rendere possibile il montaggio delle differenti guarniture. Il sistema di calcolo degli spessori è un po’ complicato, per cui cerco di riassumerlo in questa tabella:

Larghezza scatola Calotta destra Calotta sinistra
68 mm 2 x 2.5mm 1 x 2,5mm
73 mm 1 x 2,5mm nessun distanziale
83 mm 2 x 2,5mm 1 x 2,5mm

L’uso dei distanziali è essenziale per montare le guarniture con la corretta linea catena.

Montare un centrale a calotte integrate: tempistiche, difficoltà e attrezzatura

Il montaggio di un movimento centrale a calotte integrate è una procedura semplice che non impegna per più di 10 minuti, al netto del tempo impiegato per capire il senso di avvitamento delle calotte e il numero di distanziali da usare.

Centrale_6

L’attrezzatura necessaria è la seguente:
• Grasso bianco antigrippaggio: per l’ingrassaggio dei filetti;
• Chiave per calotte: si tratta di una speciale boccola in acciaio che ricalca le brocciature delle calotte e consente di installarle senza rovinarle;
• Chiave a cricchetto: per il montaggio delle calotte e il relativo serraggio. Conviene usare una chiave con un bel braccio di leva;
• Sgrassatore e straccio: per la pulizia;

Montare un centrale a calotte integrate passo-passo

Step 1: Pulire i filetti

Centrale_7
Centrale_8

Per prima cosa bisogna spruzzare un velo di sgrassatore sui filetti della scatola del movimento e rimuovere con lo straccio tutte le tracce di sporco, grasso vecchio o di ossidazione;

Step 2: Ingrassare i filetti della scatola

Centrale_9

Cospargere ora entrambi i filetti della scatola del movimento con un abbondante velo di grasso bianco antigrippaggio.

Centrale_10
Centrale_11

In questo modo l’installazione sarà più facile e si eviterà che i filetti possano grippare, rendendo impossibile una futura estrazione delle calotte;

Step 3: Ingrassare la calotta destra

Centrale_12

La prima che deve essere montata è la calotta destra, collegata al tubo parapolvere.

Centrale_13

Cospargete i filetti della calotta con un abbondante velo di grasso bianco antiseize;

Step 4: Inserire i distanziali destri

Centrale_14
Centrale_15

Seguendo lo schema indicato in precedenza, inserite i distanziali necessari sulla calotta destra;

Step 5: Montare la calotta destra

Centrale_16
Centrale_17

Presentate la calotta sulla scatola e avvitatela a mano, facendola ruotare nel senso di avvitamento (orario per filetto ITA e antiorario per filetto BSA).

Centrale_18
Centrale_19

Fermatevi subito se la calotta diventa dura dopo un solo giro, significa che siete entrati storti. Estraetela e riprovate.

Centrale_20

La calotta infatti deve avvitarsi con facilità per parecchi giri di filetto, fino a che non diventa impossibile da serrare a mano.

Centrale_21

Dopodiché fate combaciare le scanalature di boccola e calotta e mandate quest’ultima in battuta contro la scatola.

Centrale_22

Concludete il serraggio con forza, Shimano consiglia una coppia di serraggio di 35-50Nm.

Centrale_23

Una volta concluso il serraggio rimuovete il grasso fuoriuscito con uno straccio;

Step 6: Preparare la calotta sinistra

Centrale_24
Centrale_25

Come visto in precedenza, per prima cosa cospargete i filetti della calotta sinistra con grasso bianco antigrippaggio.

Centrale_26
Centrale_27

Dopodiché inserite i distanziali necessari, come da tabella indicata in precedenza.

Step 7: Installare la calotta sinistra

Centrale_28
Centrale_29

Avvitate ora la calotta sinistra, che si avvita sempre in senso orario in entrambi i filetti, facendo sempre attenzione a non entrare storti né a forzare (proteste rovinare i filetti).

Centrale_30
Centrale_31
Centrale_32

Terminate il montaggio con la bussola e la chiave a cricchetto. Infine rimuovete il grasso in eccedenza con uno straccio.

Concludendo

Centrale_33

Abbiamo visto come montare un movimento centrale integrato, dove la teoria (tipo di filetto e distanziali) è ben più difficile della pratica. Questo tipo di movimento centrale è ormai lo standard per le bici di media e alta gamma, anche se sente sempre di più la presenza dei movimenti di tipo press-fit. Per questo è molto facile che vi troviate a doverne montare uno!

Video

Commenti

5 Commenti su "Montare un movimento centrale a calotte integrate"

  1. Andrea ha detto:

    Buongiorno , la regola 1 spessore a sx e 2 a dx vale per tutti i mov centrali da 68 , indipendentemente se monocorona o tripla ?
    Io ho Mov. da 68mm BSA , e guarnitura deore 22-30-40 nuova. Adesso con uno spessore a dx da 2.5 , le pedivelle distano dal piantone a dx 69.4mm e a sx 70.9mm , misurati con calibro ventesimale e con “più precisione possibile”. Con la regola in tabella , verranno ancora meno simmetriche la dx e la sx dal piantone. Quella tabella vale per tutto ? Come posso fare ? Grazie in anticipo.
    Andrea

  2. edo ha detto:

    buongiorno,
    ho per le mani un telaio, di cui non conosco nulla con una scatola per movimento centrale un po’ strana:
    le misure sono misure 36mm x 73mm, non ho ancora avuto modo cdi capire se la filettatura (come senso di rotazione) sia italiana o inglese, ma il diametro sembra quello italiano.
    avendo sue movimenti centrali a disposizione ho verificato che la calotta sinistra ita va bene mentre quella BSA sta larga e non avvita.
    Supponendo che il filetto sia italiano il fatto di avere 73mm e non 70 puo’ dare problemi al montaggio della guarnitura?
    Se il filetto fosse inglese, dove trovo calotte con diamtero 36mm e non 1.36″?

    grazie
    Edoardo

  3. Andrea Trucco ha detto:

    Buongiorno, non sono sicuro di avere ben compreso la questione dei distanziali.
    C’è una differenza se il montaggio è su BDC o MTB?
    Per esempio: BDC , scatola movimento centrale da 68mm (passo BSA , ma non credo che questo implichi differenze), guarnitura Shimano doppia da 10V, telaio con luce tra i forcellini posteriori pari a 135mm : dalla tabella sopra esposta 5 mm a Dx e 2,5mm a Sx.
    Sembrerebbe di sì ma nel video non vengono utilizzati.. Le calotte sono avvitate senza distanziali. Stessa cosa anche in altri video presenti in rete , quasi sempre quando nei tutorial si impiega un telaio BDC. Quindi la domanda è : differenze nell’impiego dei distanziali tra BDC e MTB? C’è un caso in cui i distanziali non si utilizzano?
    Grazie.
    Andrea

  4. luciano ha detto:

    Ciao, devo istallare su MTB in carbon un movimento centrale shimano SM-BB70 su scatola movimento da 68 con guarnitura XT tipo FC-M785 10SP hollowtech 2 modificata a monocorona. Che distanziatori mettere sul movimento centrale. C’è una logica nel mettere i distanziatori, grazie.

    1. Omar Gatti ha detto:

      Ciao Luciano,
      sì c’è una logica nei distanziali ed è anche indicata nell’articolo, se noti

      Buone pedalate!

      Omar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti