L’emergenza smog non si risolve così

12 Dicembre 2016

SMOG_LOMBARDIA_FIAB__LEGAMBIENTE

In un Paese come il nostro, saturo di automobili, le cosiddette domeniche a piedi per cercare di contrastare l’emergenza smog lasciano il tempo che trovano e non risolvono il problema. Lo dimostra il fatto che ogni anno, con l’approssimarsi dell’inverno, si ripresenta il nodo dell’irrespirabilità dell’aria che stringe la gola dei cittadini e soffoca il buonsenso dietro una cortina fumogena che chiama “emergenza” un qualcosa che ormai è diventato eterno ritorno dell’identico da ormai troppi anni.

Il blocco “totale” dei mezzi a motore in un giorno festivo viene depotenziato dagli orari (8 ore non consecutive su 24) e poi tanto totale non è perché tra categorie esentate, permessi ed eccezioni esistono migliaia di “derogati” che nelle giornate di blocco possono continuare a circolare. Lo dimostra il fatto che l’efficacia delle domeniche a piedi viene vanificata dal fatto che rappresentano una misura-tampone periodica che funge da blando palliativo ma non risolve il problema.

Certo, lo smog e l’inquinamento dell’aria non sono prodotti soltanto dalle emissioni e dai gas di scarico dei mezzi a motore: ma se si intervenisse in maniera più efficace bloccando realmente il traffico almeno 12 ore consecutive e con pochissime deroghe i risultati sarebbero di certo più apprezzabili ancorché non risolutivi.

La politica dovrebbe farsi carico non solo di tamponare le emergenze ma anche e soprattutto di prevenirle con misure efficaci a monte
: quindi promozione di un “uso consapevole” della mobilità privata motorizzata, che incide sulla qualità dell’aria di tutti e contribuisce a peggiorare la vivibilità delle strade, allestendo piani di comunicazione mirati per invitare a non utilizzare l’auto per almeno 2 giorni a settimana (con incentivi e agevolazioni per chi lo fa) o anche buoni mobilità per il trasporto pubblico chi rottama l’auto senza comprarne una nuova.

L’emergenza in realtà viene da lontano
: non è un prodotto di questi ultimi anni ma rappresenta la manifestazione plastica di una precisa strategia messa in atto da decenni per promuovere fino all’inverosimile l’acquisto e l’utilizzo di un’auto privata a discapito del mezzo pubblico e delle varie forme di mobilità alternativa e sostenibile, tra cui la bicicletta. Un disegno – qualcuno direbbe uno storytelling – basato su una potente macchina pubblicitaria che fa leva su componenti emotive perché razionalmente anche chi acquista un’auto sa che per quanto evoluta e performante dovrà stare ore in coda in Tangenziale esattamente come tutte le altre e come quella che ha appena sostituito.

L’emergenza smog non si risolve con domeniche a piedi e circolazione infrasettimanale a targhe alterne: così al massimo si tampona il problema, ma non possiamo continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto. Ridurre il parco auto circolante in maniera consistente è la base da cui partire per poter ricominciare a respirare aria meno inquinata e sbloccare la viabilità dentro e fuori le grandi città.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
Da: 1.499
Acquista
Meccanica Base 1
Da: 149
Acquista

Commenti

2 Commenti su "L’emergenza smog non si risolve così"

  1. Avatar Giovanni ha detto:

    la parola “emergenza” è errata. Il PM10 è stata una scelta politica precisa dell’europa. Tutti sapevano che bruciando olio pesante anzichè benzina leggera si produceva molto più particolato.
    In USA il diesel non è stato incentivato. Qui si.
    Il diesel va vietato

    1. Avatar Alberto ha detto:

      Vanno vietati i motori a petrolio. Tornare a incentivare il gas. Politiche serie per rendere il prezzo delle elettriche concorrenziale, agire sul trasporto pesante. Far funzionare il trasporto pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti