Autovelox del suono contro l’inquinamento acustico

25 Ottobre 2022

La città di Parigi e la regione dell’Île-de-France introdurranno dal 2023 un sistema automatico di controllo dell’inquinamento acustico: lo strumento testato nel corso del 2022 è un rilevatore che potremmo chiamare “autovelox del suono”, o “autorumox” in breve.

inquinamento acustico

Che cos’è un autovelox del suono?

L’autovelox del suono, “noise camera” in inglese, è un apparecchio simile nel funzionamento al classico rilevatore di velocità; un sistema di microfoni direzionali permette di rilevare con precisione la fonte del rumore, preparando la telecamera a riprendere il veicolo e registrare la targa.

Il recente sviluppo di questa tecnologia, che la rende funzionale e utilizzabile su larga scala, ha suscitato interesse in alcune amministrazioni pubbliche in Europa e negli Stati Uniti: il test di questi dispositivi nella regione della capitale francese è iniziato a febbraio 2022, ma già dal 2019 alcune sperimentazioni erano in corso in diversi Paesi, anche solo a scopo informativo.

Un problema molto “sentito”

Rispetto ad altri ordini di problemi portati dalla mobilità motorizzata nelle città, come l’inquinamento atmosferico e la violenza stradale, l’inquinamento acustico viene percepito in modo più diretto.
Se ormai siamo assuefatti all’aria irrespirabile e abituati a vedere persone guidare e parcheggiare selvaggiamente, il rumore ci colpisce ancora come qualcosa di evitabile, qualcosa su cui le città dovrebbero esercitare il proprio potere regolatorio.

Questo rumore di fondo costante non è solo fastidioso: gli effetti sulla salute umana sono concreti, pericolosi e a lungo termine.
L’impatto sul sistema nervoso di questo continuo stimolo stressante mette l’organismo in uno stato di ansia che favorisce l’insorgenza di malattie cardiovascolari e neurologiche.
Gli anziani sono maggiormente a rischio di demenza, i bambini imparano con più difficoltà e possono sviluppare disturbi cognitivi.

visualizzazione inquinamento acustico

L’Unione Europea ha fissato degli obiettivi di controllo dell’inquinamento acustico all’interno del Zero Pollution Action Plan; ridurre del 30% il numero di cittadini esposti a livelli di rumore dannosi per la salute entro il 2030.
Tuttavia, la ripresa del traffico di merci e persone dopo la pandemia non è avvenuta in modo discreto e silenzioso, e proiettando al 2030 la situazione l’esposizione all’inquinamento acustico potrebbe addirittura aumentare.

Fino ad oggi, gli autovelox del suono hanno dato prova della propria efficacia come strumenti di monitoraggio e sanzione di comportamenti antisociali, e le città che li hanno introdotti stabilmente hanno ricavato introiti significativi.

Sarà interessante vedere se questa attività di controllo porterà effetti a lungo termine sull’ambiente urbano, riducendo effettivamente l’esposizione dei cittadini al rumore e ai rischi sanitari connessi.
Nel frattempo Bruitparif, l’agenzia di monitoraggio ambientale che gestisce gli autovelox del suono nell’area di Parigi, riporta un dato interessante: una moto con la marmitta modificata che attraversa la città può svegliare diecimila persone in una sola notte.

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti