I 10 motivi che rendono Parigi a misura di bici

11 Ottobre 2022

Parigi a misura di bici. Il mio editoriale di qualche giorno fa sullo choc da rientro a Roma dopo un weekend trascorso a Parigi ha creato un bel dibattito su Bikeitalia e sui social. In quell’articolo avevo accennato ad alcune misure adottate – e sviluppate soprattutto a partire dal 2015, con l’elezione della sindaca Anne Hidalgo – che hanno trasformato la Ville Lumière in una città sempre più a misura di bicicletta.

Parigi a misura di bici

Ma sono almeno 10 i motivi che hanno trasformato radicalmente la mobilità tra i 20 arrondissment del cuore pulsante della città all’insegna delle due ruote a pedali. Eccoli elencati qui di seguito.

1. Il limite di 30 km/h

Una delle azioni principali messe in campo dalla sindaca Hidalgo, fin dal suo primo mandato, è stata quella di promuovere l’idea di una Parigi a 30 km/h: al netto dei boulevard di scorrimento con una velocità consentita più alta, praticamente tutte le strade all’interno della Péripherique sono al massimo 30 km/h per i mezzi a motore e questo le rende più sicure per chi usa la bici.

parigi 30 km
Parigi a misura di bici grazie al limite di 30 km/h in città

2. Senso unico eccetto bici

Da diversi anni a Parigi lo standard per tutte le strade a senso unico con limite a 30 km/h è quello di essere a doppio senso per le bici (⛔ sauf vélo): una buona pratica mutuata dai Paesi ciclisticamente avanzati, che consente a chi si muove in bicicletta di fare percorsi più brevi per spostarsi in modo più rapido e sicuro in città.

Parigi senso unico eccetto bici sauf vélo
Senso unico eccetto bici (⛔ sauf vélo) in una strada a senso unico per le auto (credits Manuel Massimo)

3. Il semaforo sempreverde per le bici

Nel 2015 Parigi ha infatti deciso di permettere ai ciclisti – anche quando il semaforo è rosso – di girare a destra o andare dritto a seconda della configurazione dell’intersezione stradale e a determinate condizioni di sicurezza. Dopo una sperimentazione di alcuni mesi, giudicata positivamente, la novità è entrata definitivamente in vigore.

4. Il bike sharing capillare

Il Vélib è il bike sharing metropolitano parigino con stazioni di presa/rilascio: il costo dell’abbonamento è molto conveniente (3,10 euro al mese) e tutte le corse entro i 30 minuti di utilizzo sono gratuite (e questa cosa vale anche per più corse al giorno). E per i turisti sono previsti anche mini-abbonamenti di 1 o 3 giorni, perfetti per il weekend. In pratica ci si riesce a spostare in bici a Parigi quasi a costo zero, su bici in condivisione diffuse in modo capillare. Inoltre negli ultimi anni si sono aggiunti altri operatori privati di sharing a flusso libero di bici e monopattini elettrici, molto utilizzati per gli spostamenti urbani.

Parigi: la mappa delle stazioni del servizio metropolitano di bike sharing Vélib

5. Il noleggio di ebike e cargo bike assistite

Accanto al Vélib dal 2019 c’è anche Véligo, il servizio di sharing metropolitano con a disposizione diversi modelli di ebike e cargo bike assistite: in questo modo è possibile noleggiare una bici a pedalata assistita a 20 euro al mese (per un minimo di 6 mesi, rinnovabili una volta per 3 mesi) o una e-cargo bike – a partire da 40 euro al mese (abbonamento mensile rinnovabile 2 volte per 1 mese oppure trimestrale non rinnovabile) – per poter coprire distanze maggiori (autonomia da 50/70 km) o trasportare bambini e carichi pesanti. Un ottimo modo per poter fare un test prima di procedere con l’acquisto.

6. Le Strade Scolastiche

L’idea di Parigi è di intervenire sul lungo periodo per trasformare tutte le strade davanti alle scuole in spazi verdi e strade gioco: fin dal rientro a scuola dopo la prima ondata pandemica (settembre 2020) sono state realizzate numerose Strade Scolastiche. Ma l’obiettivo è di arrivare col tempo a tutti i 1.200 istituti scolastici cittadini garantendo l’accesso in sicurezza a pedoni/ciclisti, arrivando ad almeno 300 scuole con ingressi completamente pedonalizzati.

Strade scolastiche
Parigi a misura di bici: le Strade Scolastiche sono sempre di più

7. Chiusura delle strade alle auto

Oltre a tutte le misure di cui sopra, Parigi ha chiuso alcune strade alle auto lasciando aperto il transito soltanto a pedoni e biciclette. L’accesso, come documento nella foto scattata ai piedi di Montmartre, è regolamentato da un ausiliario del traffico che apre il passaggio soltanto ai residenti che devono rientrare per scaricare o parcheggiare l’auto.

Parigi strada chiusa alle auto
Parigi: strada chiusa alla circolazione delle auto (credits Manuel Massimo)

8. Estensione della rete ciclabile

In 7 anni la rete ciclabile di Parigi è cresciuta in modo esponenziale: il Plan Vélo presentato nel 2015 è stato seguito, la pandemia non ha fermato la trasformazione in senso ciclabile ma, anzi, l’ha accelerata grazie alla realizzazione delle corona pistes, destinando intere corsie alle bici per promuovere gli spostamenti a pedali. Inoltre il biciplan è diventato più ambizioso e anche autostrade urbane come l’iconica Rue de Rivoli sono diventate boulevard ciclabili con una corsia riservata ai mezzi pubblici e autorizzati. E l’obiettivo di Parigi 100% entro il 2026 appare sempre più vicino.

9. Corsie preferenziali aperte alle bici

La cosa che ho notato subito rispetto a Roma è che a Parigi le corsie preferenziali (di qualsiasi larghezza, anche di soli 2,5 metri, ndr) sono aperte alle biciclette e ai monopattini: in questo modo è molto più facile raccordare le varie piste e corsie ciclabili tra loro mantenendo la continuità del percorso e consentendo spostamenti a pedali capillari lontano dal traffico privato motorizzato.

10. Verde pubblico contro isole di calore

Ultimo, ma non meno importante, lo sviluppo del verde pubblico: la rivoluzione ciclabile di Parigi sta andando di pari passo con quella ambientale. Il grande progetto di riforestazione urbana prevede che gli Champs-Élysées diventino dei giardini pedonali, ma sono tante le strade parigine che sono state trasformate in “rue vegetale” con limite di velocità a 30 km/h, senso unico eccetto bici e ampie aiuole per combattere le isole di calore, purificare l’aria e drenare l’acqua piovana evitando gli allagamenti in caso di precipitazioni eccezionali.

Parigi Rue Vegetale

Questi sono i primi 10 motivi che, ragionandoci un po’ su, mi sono venuti in mente sul perché Parigi è una città a misura di bicicletta. Potrebbe essermene sfuggito qualche altro.

Se ne trovate di nuovi segnalateli nei commenti: à la prochaine!

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Commenti

2 Commenti su "I 10 motivi che rendono Parigi a misura di bici"

  1. Marco ha detto:

    magari rastrelliere sicure, moderne, sparse ovunque che permettano al ciclista di viaggiare senza stress e senza dover cercare ovunque – come accade a Firenze – un palo, un alberello, una ringhiera o cancellata di una abitazione.

  2. paolo ha detto:

    Articolo fantastico che dice esattamente le cose che avevo visto pure nel mio soggiorno a Parigi e che avevo parzialmente documentato qui. Spero che i link esterni siano ammessi, altrimenti cancellate pure il commento: https://youtu.be/wc6hht_Zg_w

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti