Salute

Rinforzare correttamente i muscoli andando in bicicletta

Rinforzare correttamente i muscoli andando in bicicletta

Sappiamo che alcuni ciclisti odiano tutto quello che è sinonimo di “palestra”, anche solo l’idea di stendersi su un tappetino per eseguire degli esercizi fa venire loro il “cimurro”. Purtroppo il potenziamento muscolare è fondamentale per un corretto sviluppo del corpo: per rinforzare le articolazioni e per esprimere meglio la potenza. E per questo abbiamo pensato a un esercizio ad hoc. In questo articolo vedremo come sia possibile potenziare la muscolatura durante le proprie uscite in bicicletta.

Indice

preparazione invernale

ciclismo indoor   allenamento della forza   Core Training

Corso Online

Potenziare i muscoli in bicicletta

Potenziamento_1

Lo abbiamo già detto molte volte, il ciclismo è uno sport globale, che impegna numerosi gruppi muscolari alla volta. Occuparsi solo delle gambe è un errore grossolano figlio dei passati decenni, quando la fisiologia del ciclista non era così evoluta. Il potenziamento di tutti i distretti muscolari è quindi un passaggio “obbligato” per chiunque voglia usare la bici; sia per divertirsi con gli amici, sia per chi coltiva obiettivi agonistici.

La palestra è dunque una tipologia di allenamento che va inclusa nella propria periodizzazione se si vogliono raggiungere risultati di un certo livello.

Ovviamente questo non è possibile per chi magari ha poco tempo, deve far combinare tra loro lavoro, famiglia e sport. O per chi non vuole assolutamente mettersi a sollevare pesi. Esiste però un modo per rinforzare l’intera muscolatura del corpo utilizzando la bici. Un tipo di esercizio è ottimo per chi ha poco tempo, per chi non vuole mai smettere di pedalare. Ed è fantastico per trasformare il proprio bike to work in una vera e propria sessione allenante, finalizzata al miglioramento della condizione fisica.

aligncenter

La contrazione isometrica

La filosofia alla base di questa tecnica di allenamento prende il nome di “contrazione isometrica”. I muscoli del nostro corpo possono contrarsi (quindi produrre un lavoro) in tre differenti modalità:

  • Contrazione eccentrica: il muscolo si contrae e allo stesso tempo si allunga. E’ il caso di quando solleviamo le braccia sopra la testa, con il tricipite che si contrae e si allunga;
  • Contrazione concentrica: il muscolo si contrae e si accorcia nel medesimo istante. il caso più classico è quando pieghiamo il braccio per “mettere in mostra” i bicipiti;
  • Contrazione isometrica: il muscolo si contrae ma non vi è alcuna modifica nella sua struttura;

Nel caso della contrazione isometrica quindi i muscoli lavorano comunque, senza che vi sia una modifica della loro struttura. Non vi è accorciamento né allungamento visibile, anche se i sarcomeri (le unità contrattili che sono la base dei muscoli) in realtà si modificano, dando vita alla contrazione. Giusto per capire, posizionatevi sotto una porta e provate a spingere con le mani gli stipiti: i vostri muscoli non stanno compiendo alcun movimento (a meno che la porta non stia cedendo) ma li sentite comunque contratti.

Potenziamento_3
Muscoli in bicicletta: come rinforzarli correttamente pedalando

Rinforzare i muscoli in bicicletta

Le contrazioni isometriche sono altrettanto allenanti quanto quelle eccentriche e concentriche e quindi possono essere usate per rinforzare i muscoli. Pedalando in bicicletta, si crea una notevole contrazione isometrica quando si passa dalla posizione seduta a quella fuorisella. Pedalando in piedi sui pedali infatti le braccia, le spalle, la schiena, il petto, l’addome e anche i glutei sono contratti isometricamente, per supportare il peso del corpo e per resistere alla forza di gravità. Nella sessione di potenziamento che vi proponiamo non facciamo nient’altro che sfruttare la contrazione isometrica data dalla posizione in piedi sui pedali, studiandola però in modo da aumentare la resistenza muscolare.

Allenamento ad alta intensità

Corso Online

Scopri di più

Muscoli in bicicletta | Sessione di allenamento

Muscoli in bicicletta: come rinforzarli correttamente
Rinforzare i muscoli in bicicletta

Come potrete capire, l’idea di sfruttare la contrazione isometrica per potenziare i muscoli, usando la bicicletta come mezzo di potenziamento, apre molte possibilità anche ai ciclisti che odiano andare in palestra. L’esercizio che vi proponiamo è davvero valido per trasformare qualunque spostamento in bici in una sessione di potenziamento ed è perfetto per chi usa la bici per andare a lavoro, in modo da rendere ancora più entusiasmante l’esperienza. Infatti pedalare per andare a lavoro, oltre a tutti i vantaggi dei quali abbiamo già parlato, permette di allenarsi per le uscite domenicali o per le gare programmate, con un notevole miglioramento della condizione atletica generale.

La sessione è così organizzata:

  • Riscaldamento generale: pedalare a ritmo blando per i primi 10-20 minuti (a seconda della temperatura esterna), aumentando il costantemente il ritmo;
  • Alzarsi sui pedali: alzarsi sui pedali e pedalare fuorisella per 5 minuti senza mai sedersi, cercando di tenere un ritmo più alto del solito e il rapporto più lungo che possiamo mantenere;
  • Riposo attivo: sedersi in sella, diminuire l’intensità e alleggerire il rapporto, per recuperare energie. Il riposo attivo deve durare un minuto al massimo;
  • Ripetizione: ripetere la sessione di pedalata fuorisella e di riposo attivo per altre due volte, fino a un massimo di cinque volte;
  • Defaticamento: pedalare per cinque minuti seduti in sella a un ritmo blando.

Una volta terminata la sessione (o essere arrivati al lavoro, per esempio) è bene effettuare una sessione di allungamento di almeno 10 minuti, per consentire ai muscoli contratti di distendersi e di assorbire l’acido lattico accumulato.

preparazione invernale

ciclismo indoor   allenamento della forza   Core Training

Corso Online

Linee guida per l’allenamento dei muscoli in bicicletta

Com’è possibile inserire questo tipo di allenamento all’interno della propria pratica? Le parole d’ordine sono sempre le stesse: gradualità e costanza. Ascoltate il vostro corpo e decidete quante ripetizioni fare e quanto tempo restare fuorisella.

Se non siete allenati potete cominciare con sessioni da un minuto di esercizio e uno o due minuti di recupero attivo, per poi aumentare la prima fase e diminuire la seconda, fino a entrare a pieno regime. Non strafate ma ascoltate sempre le sensazioni che il corpo vi manda, perché la cosa più importante quando ci si allena non è il risultato ma le sensazioni positive che si vivono.

Mangia in modo corretto per andare più forte in bici, ma soprattutto per vivere meglio. Iscriviti al nostro corso Bikeitalia di Alimentazione per il Ciclismo: clicca qui

La costanza è la base per migliorare, perché effettuare questo tipo di allenamento una volta a settimana apporta dei risultati ma periodizzarlo ne apporta sicuramente di migliori. Il mio consiglio è di svolgere una sessione ogni due giorni, durante l’intera fase di allenamento prestagionale, quando è previsto un periodo di carico per il potenziamento muscolare.

In questo modo sarà possibile migliorare la resistenza dei muscoli senza però incappare nell’ipertrofia, ovvero nell’aumento della massa muscolare. L’ipertrofia è l’obiettivo del bodybuilding ma non del ciclismo, poiché un muscolo più sviluppato è più pesante ed è tutta massa che dovremo spingere in bici. Meglio concentrarsi sull’allenamento della resistenza muscolare, che consente di rendere i muscoli più reattivi e aumentarne la resistenza all’affaticamento.

Vuoi diventare più forte?

Vuoi fare più chilometri in bicicletta con meno fatica? Allora devi diventare più forte! Grazie al programma “Diventa un ciclista più forte” potrai diventare un ciclista più forte, più potente e più resistente alla fatica.

  • Un programma di 16 video lezioni da 30 minuti l’una, che puoi seguire direttamente da casa;
  • Non ti serve una palestra ma solo il tuo corpo, un tappetino e un peso;
  • Il programma è specifico per farti migliorare in bicicletta;
  • Esegui solo gli esercizi che permettono di ottimizzare il gesto della pedalata;
  • Il programma è strutturato con una progressione per consentirti di migliorare passo-passo;
  • 4 cicli di lavoro: corpo libero, forza generale, gambe d’acciaio e potenza;
  • Le lezioni sono sempre disponibili, puoi allenarti quando vuoi e adattare il programma alle tue esigenze;
  • Il preparatore è sempre disponibile via mail per rispondere a qualsiasi dubbio;
  • Il programma include più di 20 video per imparare a eseguire correttamente gli esercizi;
  • Più di 500 ciclisti si sono allenati con il programma “Diventa un ciclista più forte”, migliorando le loro prestazioni;

Niente esercizi “inutili”, niente allenamenti eccessivi, nessun abbonamento in palestra: allena la forza in modo specifico per fare più chilometri con meno fatica anche solo con 30 minuti a settimana

Diventa un Ciclista Più Forte

Percorri più chilometri con meno fatica con solo un’ora di allenamento a settimana.

Scopri di più

Articolo aggiornato a agosto 2023

Commenti

  1. Avatar Uccio ha detto:

    Ciao, Omar, vorrei porti una domanda, se possibile!
    Sono un ragazzo che vuole riavvicinarsi all’attività sportiva, in particolar modo al ciclismo, essendo fuori forma da un pezzo, so bene che nel ciclista l’ipertrofia muscolare delle gambe è sostanziosa, facendo creare un divario tra parte superiore del corpo, in cui vi è quasi ipotrofia muscolare (basti pensare ai ciclisti quasi anoressici).
    Io non ho mai abbracciato questo sport proprio perché ho trovato anti estetico tale aspetto fisico, mi chiedo allora se grazie all’ausilio delle contrazioni isometriche, pur non essendoci ipertrofia, si possa avere una resa estetica decente senza dover necessariamente andare in palestra per integrare esercizi per la parte superiore del corpo.
    Può la bicicletta, dunque, essere strumento completo per la totalità della forma muscolare?

    Un saluto appassionato!

  2. Avatar Longino ha detto:

    Da ingorante, credo che la spinning bike sia la cosa piu’ vicina all’ allenamento su strada, poiche’ la massa del volano esercita uno sforzo che si sente su tutto il corpo sia da seduti che, in piedi. Se mi sbaglio, pace :D

  3. Avatar Alessandro ha detto:

    Salve,interessante articolo…per quando si è costretti al lavoro indoor,la spinning bike serve allo scopo?

  4. Avatar Karl ha detto:

    Salve, sono un vostro appassionato lettore, e grazie ai vostri articoli il mio entusiasmo per la bicicletta è decisamente aumentato.
    Vorrei chiedere, cortesemente, se le stesse dinamiche abbiano la stessa valenza se tale pedalata fuori sella viene effettuata su un rullo magnetico che blocca la ruota posteriore dalle forcelle.

    Mi farebbe molto piacere ricevere una replica in merito a tal quesito, quindi vi ringrazio in anticipo se la prenderete in considerazione!

    1. Omar Gatti Omar Gatti ha detto:

      Ciao Karl,
      purtroppo no, perché è il rullo che ti sostiene e quindi tutta la contrazione isometrica della parte superiore del corpo è meno intensa.

      Buone pedalate!

      Omar Gatti

  5. Avatar raf ha detto:

    bell’articolo, volevo solo capire una cosa? se durante il riscaldamento parto dalle 70 fino alle 90 pedalate al minuto, c’è un aumento proporzionale raccomandato del ritmo da tenere nel fuorisella? grazie!

    1. Omar Gatti Omar Gatti ha detto:

      No, il ritmo va in funzione delle tua capacità di sopportazione dello sforzo

      Buone pedalate!

      Omar Gatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *