Bikenomics

Riforma Codice della Strada: produttori bici contro Salvini

Riforma Codice della Strada: produttori bici contro Salvini
Produttori bici contro Salvini e Riforma Codice della Strada con obbligo casco, targa, assicurazione, frecce per biciclette e monopattini

[Aggiornamento 09/06/2023 | Retromarcia di Salvini: nessun nuovo obbligo per le bici]

Produttori bici contro Salvini. L’annuncio del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti in merito all’obbligo di casco, targa, assicurazione e frecce per biciclette e monopattini contenuto nella riforma del Codice della Strada di prossima emanazione ha fortemente contrariato l’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).

Produttori bici contro Salvini

I produttori di bici hanno pubblicato una dura presa di posizione contro le misure riguardanti biciclette e monopattini anticipate nel question time alla Camera: “Penalizzare la leadership della nostra industria sarebbe un autogol, comparto vale oltre 3,2 miliardi di euro. Maggiore sicurezza si ottiene con misure strutturali, Italia unico Paese in Europa a introdurre assicurazione, targa, casco e frecce obbligatori”, questo in estrema sintesi il senso del comunicato.

No agli obblighi per le bici annunciati dal ministro

Confindustria ANCMA esprime dunque “forte preoccupazione” a seguito delle dichiarazioni sulla riforma del Codice della Strada rilasciate alla Camera dei Deputati dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, nel corso del question time. L’associazione prende posizione contro la proposta di introdurre assicurazione, targa, casco e frecce obbligatori per le biciclette: “Si tratta di misure che non vanno nella direzione di ottenere maggiore sicurezza, per la quale serve un impegno strutturale ed educativo a tutela di chi utilizza la bicicletta, che è un utente debole della strada”, si legge nel comunicato.

L’Italia sarebbe l’unico Paese in Europa ad averli

Come sottolinea il presidente di ANCMA Paolo Magri: “Abbiamo già avuto modo di inviare lo scorso marzo una lettera dettagliata al ministro competente, attraverso la quale non solo abbiamo sottolineato il valore del comparto ciclo, che in Italia genera un volume d’affari di oltre 3,2 miliari di euro, ma abbiamo anche evidenziato che il nostro sarebbe l’unico Paese in Europa, dove tra l’altro l’utilizzo della bici è ampiamente più diffuso che in Italia, ad introdurre questi obblighi”.

Una questione che mina e mette in difficoltà il settore del ciclo e tutto l’indotto, come specifica il presidente di ANCMA: “Il nostro Paese ha un grande potenziale di attrattività cicloturistica, ha un mercato che cresce, è uno dei primi produttori di biciclette nell’eurozona, esprime un tessuto imprenditoriale d’eccellenza fatto da oltre 250 piccole e medie imprese, per l’80% insediate fra Veneto, Lombardia e Piemonte. L’associazione è a disposizione del Governo in maniera costruttiva, ma per come è stata annunciata, questa riforma sembra oggi più contro la diffusione della bicicletta, che a favore di una maggiore sicurezza sulle strade: penalizzare la leadership della nostra industria sarebbe un autogol”.

Leggi anche: Salvini annuncia stretta per biciclette e monopattini: obbligo di casco, targa, assicurazione e frecce

ebook

Tutto quello che vuoi sapere sulla scelta, manutenzione e meccanica della bicicletta lo trovi tra gli ebook
scarica ora

Commenti

  1. Avatar Kantharos ha detto:

    se il governo introduce l’assicurazione anche per le bici con o senza pedalata assistita, non solo non compro più nessun tipo di bicicletta ma non userò neanche l’auto a metano e opterò per la benziana inquinando di brutto… e me ne fotto dell’inquinamento come se ne fottono gli stati e i governi di tutto il mondo, quando si tratta di far guadagnare banche assicurazioni e multinazionali in generale! prima finisce questo schifo di società disumana…meglio sarà per la natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *