MENU
viaggi girolibero

#30eLode, bambini protagonisti della campagna Fiab

Campagna30, News • di 1 Ottobre 2015

Vie e piazze a misura di pedone, di ciclista e di bambino: più sicure e più vivibili per tutti. Parte oggi la campagna sulla sicurezza nella città promossa dalla Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) per l’istituzione del limite di 30 km/h come standard di velocità nelle strade urbane: l’iniziativa #30eLode è stata presentata in conferenza stampa a Montecitorio – alla presenza dei deputati Paolo Gandolfi e Mirko Busto, appartenenti al Gruppo Interparlamentare della Mobilità Nuova e Ciclistica – in occasione della ripresa della discussione della legge delega per la modifica al Codice della Strada.

LOGO_30ELODE_FIAB_IN_EVIDENZA

Esperienze nazionali e internazionali dimostrano in modo inequivocabile che la velocità delle auto è la prima causa di mortalità per chi viaggia in bici. Tra le modifiche richieste per il Codice della Strada, molte riguardano chi si muove in bicicletta: una su tutte è la proposta di inserire il limite dei 30 km/h come standard di velocità sulle strade urbane.

La presidente nazionale della Fiab Giulietta Pagliaccio illustra gli obiettivi della campagna #30eLode: “In contesti urbani ormai caratterizzati da una mobilità motorizzata e spesso con alta velocità, sentiamo tutti l’esigenza di città diverse, dove muoversi in libertà e sicurezza anche a piedi o in bicicletta per andare a scuola, al lavoro, a fare la spesa o ai giardinetti sotto casa. L’iniziativa #30elode coinvolge direttamente i bambini che rappresentano le generazioni future: dopo tanti infruttuosi tentativi, ci auguriamo che le esigenze e i desideri dei più piccoli possano essere la vera scintilla per un concreto cambiamento verso una mobilità più sostenibile per le persone e per l’ambiente”.

L’iniziativa #30elode di Fiab vede protagonisti, in primis, i bambini di tutta Italia attraverso il concorso “Caro Renzi, vorrei andare in bici perché…” e intende cogliere questa storica occasione di cambiamento e sollecitare in modo forte Parlamento e governo affinché promuovano provvedimenti volti a tutelare l’utenza vulnerabile della strada e a garantire sicurezza per chi si muove a piedi o in bicicletta.

Un concorso a premi di dieci settimane riservato ai bambini tra i 6 e i 13 anni: per partecipare i ragazzi devono scrivere una email di circa 1.000 battute che, iniziando con “Caro Renzi, vorrei andare in bici perché…”, racconti le motivazioni e i desideri personali di questa richiesta. Le lettere dovranno essere inviate entro metà dicembre all’indirizzo [email protected] e saranno pubblicate sul sito www.30elode.org e condivise su Facebook e Twitter.

Ogni settimana i giovani autori dei messaggi che otterranno il maggior numero di visualizzazioni – nell’arco di 7 giorni dalla messa online sul sito dell’iniziativa, sulla base delle statistiche di Google Analytics – riceveranno dei premi-a-pedali: una bicicletta Lombardo da bambino o ragazzo, una maglia da campione del mondo di ciclismo Santini, kit luci e altri accessori per la bicicletta offerti dagli altri sponsor (Shimano, Confindustria-Ancma) e una copia del libro “Più bici più piaci” di Paolo Pinzuti e Federico Del Prete.

Il concorso “Caro Renzi, vorrei andare in bici perché…” terminerà alla vigilia di Natale con l’estrazione di un grande premio finale. “L’augurio di Fiab per tutti i bambini – conclude Giulietta Pagliaccio – è di trovare sotto l’albero anche il regalo dei nostri legislatori che, riformando il Codice della Strada, tengano in considerazione le esigenze dei cittadini del domani”.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *