Quanto costa aprire un negozio di biciclette - Bikeitalia.it

Quanto costa aprire un negozio di biciclette

Quanto costa aprire un negozio di biciclette? È una delle domande più ricorrenti che ci pongono i corsisti che partecipano al Masterclass in Meccanica ciclistica. Si tratta del corso di meccanica più professionale d’Italia, che dal 2018 ha già permesso a più di 50 corsisti di aprire un negozio di biciclette. In questo articolo cercheremo di rispondere alla domanda “Quanto costa aprire un negozio di biciclette”?

Ciò che serve per aprire un negozio di biciclette

Nel corso Masterclass è prevista una giornata di formazione dedicata al business, cioè a come aprire un negozio di biciclette. In una parte della giornata si parla dell’elenco dei materiali che servono per aprire un negozio di biciclette. Possiamo dividere i materiali in 3 grandi macrocategorie:

  • Attrezzatura meccanica
  • Arredamento
  • Ricambistica

Andiamo a vedere nel dettaglio ogni categoria.

Attrezzatura meccanica

Aprire un negozio di biciclette
La scelta di Marco Cavani, nostro corsista Masterclass, che ha aperto l’officina Ruota Libera in provincia di Modena. Un open space con officina a vista separata da un bancone

Se prendiamo come esempio alcuni dei negozi avviati dai nostri corsisti Masterclass, vi è una costante: l’officina è a vista. Questa scelta permette da un lato di ottimizzare gli spazi (un locale open space da 50mq diventa più che sufficiente). Inoltre avere l’officina a vista permette di offrire garanzia di qualità al cliente, che vede come il meccanico lavora, perché riconoscere un bravo meccanico di biciclette è sempre una cosa molto difficile.

Se andassimo a fare un elenco dell’attrezzatura meccanica che serve per aprire un negozio di biciclette, secondo la nostra esperienza il materiale indispensabile dovrebbe essere:

Arredamento

Officina di bici
Lorenzo e Riccardo, corsisti Masterclass che hanno aperto l’officina “Bike Punto Garage” a Pordenone, hanno optato per un bancone in legno fatto in casa

Avere l’officina a vista permette di sfruttare un semplice bancone come divisorio tra la parte di officina e quella di accoglienza del cliente. Immaginando di voler dedicare il minimo indispensabile alla vendita e concentrandoci sull’officina, l’arredamento necessario sarebbe:

  • Bancone
  • Sedie/sgabelli
  • Espositore per prodotti di pulizia
  • Espositore per ricambi (camere d’aria, copertoni)

Ricambistica

Infine parliamo della ricambistica minima che serve per aprire un negozio di biciclette. La ricambistica iniziale serve per poter effettuare le riparazioni una volta avviato il negozio. Se non si sa ancora che indirizzo dare al proprio negozio, conviene concentrarsi su ricambi “nazional popolari”:

A mano a mano che si lavorerà si potrà valutare quali sono i ricambi necessari per gestire l’ordinario.

Altri costi

A queste tre macrocategorie dobbiamo aggiungere alcuni costi non conteggiati:

  • Opere murarie e imbiancatura, opere elettriche e idrauliche, aria condizionata
  • Computer / wi-fi / stampante
  • Gestionali per fatture e per magazzino

Quanto costa aprire un negozio di biciclette?

Aprire un negozio di biciclette
Raffaele Percacciuolo, nostro corsista Masterclass che ha aperto “Biciclettari” a Cosenza, ha puntato molto sull’officina, con due banchi attrezzati

Andiamo a fare ora i conti e vediamo quanto costa aprire un negozio di biciclette:

CategoriaCosto (iva esclusa)
Attrezzatura Meccanica8.000 €
Arredamento 2.500 €
Ricambistica (valore consigliato per partire)1.500 €
Opere edili, idrauliche ed elettricheDa valutare

In linea generale (e secondo quanto ci hanno riportato i corsisti Masterclass che hanno aperto un negozio) aprire un negozio di biciclette è un investimento che può andare dagli 8.000€ ai 15.000€. Stiamo parlando ovviamente di un’officina a gestione singola, cioè dove una sola persona vi lavora (che è anche il titolare). Non vengono conteggiate le biciclette acquistate per la vendita, poiché in quel caso il prezzo dipende molto dagli accordi commerciali che s’instaurano con le aziende.

I costi di gestione di un negozio di bici

Ovviamente, oltre ai costi di avviamento, dobbiamo tenere conto anche dei costi di gestione e mantenimento del negozio.

Tra i costi di mantenimento dobbiamo definire i costi fissi e i costi variabili:

  • I costi fissi sono quei costi che dobbiamo sostenere sia che lavoriamo sia che non lavoriamo. Tra i costi fissi includiamo l’ammortamento delle attrezzature, l’affitto del negozio, lo stipendio di eventuali dipendenti, i costi delle assicurazioni, le tasse comunali (TARI e simili), le spese per i sistemi gestionali (software per la fatturazione, POS ecc) e la parcella del commercialista;
  • I costi variabili sono costi che invece sono influenzati dal volume di lavoro svolto. Tra questi includiamo i ricambi (più lavoriamo e più ricambi utilizzeremo), i prodotti di pulizia e lubrificazioni, internet, luce e gas. Tra questi costi ovviamente includiamo anche le spese di pubblicità.
  • Infine abbiamo un costo che dipende sia dal volume di affari che generiamo sia dal tipo di Partita Iva che abbiamo attivato. Si tratta delle tasse, delle quali dobbiamo essere sempre ben consapevoli.

Aprire un negozio di biciclette con il Masterclass in Meccanica Ciclistica

Il Masterclass in meccanica ciclistica è il corso di formazione più professionale in Italia per chi vuole avviare un negozio di biciclette. È composto da 100 ore di formazione così distribuite:

  • 22 ore di formazione preliminare online
  • 54 ore (7 giorni) di didattica in presenza presso la nostra scuola di formazione
  • 24 ore (3 giorni) di tirocinio come meccanico qualificato presso uno dei nostri negozi partner

Su 180 corsisti dal 2018, 50 di loro hanno già avviato con soddisfazione il proprio negozio di bici.

Commenti

Nessun commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti